La neonata piange, il papà la massacra di botte

La neonata piange, il papà la massacra di botte

La neonata piange, il papà la massacra di botte

La madre era al lavoro. La bimba, 4 mesi appena, era rimasta con il padre di 21 anni che stava guardando la televisione nella loro casa di Minneapolis. A un certo punto, riporta il Washington Post, la piccola ha iniziato a piangere. Il padre l’ha presa in braccio, cullata, cambiata, ma non è riuscito a farla smettere. “Non sopportavo più quel pianto, ho perso la testa e le ho dato un pugno, ma non si calmava. E allora ho continuato” ha confessato agli agenti di polizia, che hanno trovato la bimba morta. “L’ho colpita una quindicina di volte sul viso, ma non smetteva. Anzi, urlava più forte e allora ho cominciato a tirarle pugni anche sul corpo”. Quando la bimba ha smesso di respirare, il giovane si è reso conto di quanto aveva fatto e ha chiamato la polizia che, arrivata sul posto, lo ha arrestato.


ULTIME NEWS