Scampia. Vela Rossa inagibile, ma niente sgombero

Scampia. Vela Rossa inagibile, ma niente sgombero

Vela Rossa inagibile, ma niente sgombero

La storia si ripete. Edificio dichiarato inagibile e ordinanza sindacale di sgombero. Sulla carta. Nella realtà nessun intervento e cittadini a rischio. Cambia solo il nome, anzi per certi aspetti nemmeno quello, solo il colore è diverso, ma il pericolo è lo stesso ogni giorno. Stavolta non per i residenti della Vela Celeste, ma per quelli della Vela Rossa, a Scampia. Dieci giorni fa il sopralluogo di alcuni tecnici comunali che hanno verificato le condizioni della struttura: «Inagibile». L’ordinanza di sgomberare l’edificio non è stata ancora eseguita. La notizia trapela solo in questi giorni, ma a denunciare le condizioni dell’edificio da sempre sono gli stessi abitanti. Amianto, perdite d’acqua, i calcinacci che ogni giorno cadono dai soffitti. Grossi come pietre e che ad agosto dell’anno scorso nella Vela Celeste ferirono una ragazzina. Mentre a gennaio, un poliziotto per poco non cadde nel vuoto: il ballatoio cedette sotto i suoi piedi. A marzo l’inchiesta della Procura: quattro avvisi di garanzia. Tre funzionari dell’ufficio Patrimonio e uno della Napoli Servizi, partecipata che si occupa della gestione e manutenzione del patrimonio comunale, finirono nell’elenco degli indagati relativamente agli interventi di messa in sicurezza della Vela Celeste. Ora tocca alla Vela Rossa, dove vivono circa 240 famiglie.


ULTIME NEWS