TERREMOTO IN ITALIA. In lacrime davanti a 35 bare: il dolore dell’Italia intera

TERREMOTO IN ITALIA. In lacrime davanti a 35 bare: il dolore dell’Italia intera

In lacrime davanti a 35 bare: il dolore dell'Italia intera

Sono pronte in fila nella palestra comunale di Ascoli le 35 bare delle vittime marchigiane del terremoto che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 agosto. Commozione, lacrime e disperazione soprattutto vicino ai due unici feretri bianchi, quelli che custodiscono i corpicini delle due bambine uccise dalla violenza del sisma: Giulia e Marisol, 9 anni e 18 mesi. Sulla bara di Giulia, la piccola che ha fatto da scudo alla sorellina Giorgia, salva e ora ricoverata in ospedale, un agnellino di peluche, mentre su quella di Marisol un orsetto. Molte le persone presenti nella struttura ferite, come la zia di Giulia, ferita a una gamba, che sta vegliando sul feretro della piccola. Alle 11.30 saranno celebrati nella palestra i funerali di Stato alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella e del premier Matteo Renzi.


ULTIME NEWS