E’ morto lo scrittore Ermanno Rea

E’ morto lo scrittore Ermanno Rea

E' morto lo scrittore Ermanno Rea

E’ morto a Roma il giornalista e scrittore Ermanno Rea. Lo annuncia su Twitter David Sassoli. “Era innamorato della vita. Lavorare con lui e’ stato un grande dono”, scrive. Nato nel 1927, Rea ha vinto il premio Viareggio nel ’96 con il romanzo autobiografico Mistero napoletano e il Campiello nel ’99 con Fuochi fiammanti a un’ hora di notte. Finalista al premio Strega nel 2008 con Napoli ferrovia. La sua ultima opera Il caso Piegari nel 2014.

MISTERO NAPOLETANO – Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.


ULTIME NEWS