Napoli. Scoperti 86 falsi invalidi: i soldi delle pensioni alla camorra

Napoli. Scoperti 86 falsi invalidi: i soldi delle pensioni alla camorra

Scoperti 86 falsi invalidi: i soldi delle pensioni alla camorra

Pensioni d’invalidità ottenute in maniera fraudolenta destinate alla retribuzione delle famiglie di affiliati al clan camorristico Mallardo e per creare “consenso popolare”. Militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di 33 persone e notificato avvisi di garanzia nei confronti di ulteriori 53 persone. Si tratta dell’esito di un’indagine della Direzione distrettuale antimafia che ha fatto luce su frodi all’Inps per 9 milioni di euro. Il meccanismo svelato dall’indagine era stato organizzato da esponenti del clan Mallardo, attivo nel comune di Giugliano in Campania e nel centro di Napoli, ed era finalizzato all’ottenimento di pensioni di invalidità in assenza di requisiti, attraverso la falsificazione di documenti e con la connivenza di tre funzionari del Comune di Giugliano. Sono in tutto 86 le persone che ricevevano pensioni d’invalidità pur non essendo affetti da alcuna patologia certificata e non essendo stati mai sottoposti ad alcuna visita medica preposta. I soldi venivano utilizzati dal clan per retribuire le famiglie degli affiliati, per il pagamento delle cosiddette “mesate” e per creare “consenso popolare”, lasciando ai falsi invalidi parte dei soldi ricevuti.


ULTIME NEWS