Raiola confessa: “Ibrahimovic voleva chiudere la sua carriera a Napoli”

Raiola confessa: “Ibrahimovic voleva chiudere la sua carriera a Napoli”

Raiola confessa: "Ibrahimovic voleva chiudere la sua carriera a Napoli"

Dalla nuova Champions alla Uefa, passando per il mercato di ieri e di domani. Mino Raiola interviene ai microfoni di “Si gonfia la rete” su Radio Crc e spara a zero sul format delle competizioni europee. “La Champions sta ammazzando i campionati e le federazioni lasciano fare alla Uefa – accusa – Tutti parlano della Champions, ma non e’ una grande piattaforma perche’ la vincono sempre i soliti 4 o 5. Sappiamo che con grande probabilita’ Barcellona, Real Madrid e Manchester City arriveranno fino alla fine e poi potrebbero esserci delle outsider come la Juventus o il Psg. La Champions e’ un po’ piu’ grande di un campionato normale, ma la noia di sapere piu’ o meno chi la vincera’ e’ reale. Il calcio  ha bisogno di una rivoluzione e per farlo bisogna staccarsi dalla Uefa per creare un campionato non europeo dove tutti possono entrare. Il nuovo presidente Ceferin? Non sono d’accordo con la Uefa, la fondazione e’ sbagliata non la persona che ne e’ a capo, penso che la Uefa non debba avere questi poteri. Per esempio, la Uefa ha una sede bellissima in Svizzera ma poi fa congressi ad Atene e mi chiedo che senso abbia. C’e’ sempre qualcosa di non trasparente”. Parlando di mercato e del clamoroso trasferimento di Higuain alla Juve, Raiola assicura: “lo avrei venduto anche ad una cifra inferiore ai 90 milioni, e’ stata una operazione geniale quella del Napoli. Vendere e pentirsi e’ sempre meglio di non vendere e pentirsi. Milik? E’ stato scaricato dal Leverkusen e quando era all’Ajax era molto criticato perche’ non era produttivo. Ma se in estate si poteva pensare che 35 milioni erano troppi per Milik, oggi non lo si puo’ piu’ pensare”.


ULTIME NEWS