Scandalo Sim al Tar di Salerno: funzionari e promoter alla sbarra

Scandalo Sim al Tar di Salerno: funzionari e promoter alla sbarra

Scandalo Sim al Tar di Salerno: funzionari e promoter alla sbarra

Undici rinvii a giudizio e un’assoluzione per la vicenda delle schede Sim al Tar di Salerno. Non si procederà per Daniele Vicino, che ha scelto il rito abbreviato, assolto con formula piena. Gli altri undici imputati, tra funzionari e promoter, affronteranno il dibattimento fissato per fine dicembre: rispondono di abuso d’ufficio e truffa allo Stato. Caduti i reati di falso, peculato e associazione per delinquere. E’ quanto deciso ieri pomeriggio dal giudice per le udienze preliminari presso il Tribunale di Salerno, Pietro Indinnimeo che ha accolto quindi parzialmente le richieste formulate dal sostituto procuratore Vittorio Santoro. Oltre all’ex segretario generale Felice Della Monica tra i rinviati a giudizio ci sono la funzionaria Teresa Bonasi, i promoter Carlo Avallone e Vincenzo Adinolfi (che avrebbero organizzato il raggiro per incassare le provvigioni) e  altre otto persone tra agenti e promotori delle società telefoniche.

 

+++TUTTI I DETTAGLI SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS