Torre del Greco. Follia in strada: nonnino minaccia automobilista con un’ascia

Torre del Greco. Follia in strada: nonnino minaccia automobilista con un’ascia

Torre del Greco. Follia in strada: nonnino minaccia automobilista con un'ascia

Un pensionato che stringe tra le mani un’ascia da taglia-legna. Un uomo sulla trentina che per difendersi salta sul tettuccio di un’auto. In mezzo le grida, le minacce e le sirene del 118. Sembra l’incipit di un film horror ambientato all’ombra del Vesuvio. Si tratta, invece, delle incredibili immagini della lite per motivi di viabilità che nei giorni scorsi ha scatenato il panico in via Cupa Campanariello, un’angusta traversa di via Nazionale, nel quartiere Leopardi. Protagonisti: un 84enne e un 32enne, entrambi di Torre del Greco. A scatenare la follia una questione di precedenze. L’84enne, infatti, non sarebbe riuscito a eseguire una manovra all’interno della stretta stradina, bloccando il traffico per alcuni minuti. Da qui prima qualche “strombazzata” di clacson e poi l’acceso diverbio. L’84enne, inbufalito, scende dalla sua auto e dal bagagliaio tira fuori un’accetta. Il 32enne, intimorito per il fare minaccioso del pensionato, decide di salire sul tettuccio della sua auto per difendersi. Ma il “nonno” non si ferma. E in preda al panico la vittima decide di colpire l’anziano con un calcio al petto. L’uomo, cardiopatico, perde conoscenza e viene condotto in ospedale. Sul posto arrivano immediatamente i vigili urbani di Torre del Greco. Gli uomini in divisa, guidati dal comandante Salvatore Visone, riescono a ricostruire l’intera dinamica nel giro di poche ore, grazie alle testimonianze rese da alcuni cittadini e alle immagini catturate dalle telecamere della zona. A confermare nei minimi dettagli la sequenza choc, arrivano anche le parole dei due protagonisti della lite. Interrogato in ospedale l’84enne ha, infatti, ammesso di aver minacciato l’uomo con un’accetta. Grazie a successivi accertamenti, gli uomini della polizia locale sono riusciti anche a recuperare e sequestrare l’arma che era “scomparsa”, pochi istanti dopo lo scontro. L’anziano, che si trova in ospedale per effetto del colpo subito – le sue condizioni non sono gravi, anche se l’impatto ha lasciato il segno – è stato denunciato per minacce aggravate e detenzione di arma. Nessun provvedimento, invece, è stato disposto nei confronti del 32enne che stando a quanto emerso dall’inchiesta-lampo dei vigili urbani avrebbe agito soltanto per legittima difesa. 


ULTIME NEWS