“Tammorra, non Gomorra”: a Scampìa l’iniziativa dell’associazione Ciro Vive

“Tammorra, non Gomorra”: a Scampìa l’iniziativa dell’associazione Ciro Vive

"Tammorra, non Gomorra": a Scampìa l'iniziativa dell'associazione Ciro Vive

“Tammorra, no Gomorra”, a Scampìa la prima festa della tamorra in memoria di Ciro Esposito. Proseguono le iniziative che vedono in prima linea i familiari del tifoso del Napoli morto in seguito agli scontri fuori allo stadio Olimpico a Roma il 3 maggio 2014, dopo 52 giorni di agonia. Iniziative messe in campo dai genitori di Ciro, Giovanni Esposito e Antonella Leardi, che subito dopo la scomparsa del figlio hanno fondato un’associazione che combatte contro ogni forma di odio e di violenza e opera attivamente nel sociale. Stavolta sarà proprio Scampìa, il quartiere dove Ciro era nato e ha vissuto per circa trent’anni a essere al centro della manifestazione che prende spunto dall’impegno dell’associazione a favore dei più bisognosi. Ma anche un modo per sfatare, ancora una volta, i classici luoghi comuni sul quartiere delle Vele. Nell’ambito del progetto “Valorizzazione delle periferie” il 1 ottobre, alle 20, in piazza Ciro Esposito a Scampìa, si terrà l’evento “Tammorra, no Gomorra”, promosso dall’associazione Ciro Vive per il rilancio del territorio a nord di Napoli. A farsi promotrice dell’iniziativa è Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito (il tifoso azzurro morto in seguito agli scontri fuori all’Olimpico il 3 maggio 2014) e presidente della onlus nata in sua memoria. «La nostra associazione sente l’esigenza di contribuire a far emergere le qualità positive del territorio di Scampìa e dei suoi abitanti – spiega mamma Antonella -. Un quartiere dove ogni sera, a partire dalle 20, cala ogni attenzione, c’è il coprifuoco, si spengono le luci e i cittadini si chiudono tra le mura di casa perchè non ci sono luoghi d’incontro per giovani, bambini ed anziani. Di conseguenza questo, come altri territori, sono spenti e non vivono. Eppure le periferie sono territori ricchi di parchi, di verde, di spazi, di strutture sportive, biblioteche, teatri e soprattutto di cittadini onesti e lavoratori». In quest’ottica e nel contrasto alla dispersione sociale, nella lotta alla violenza, nella sensibilizzazione alla legalità e contro l’evasione scolastica, l’associazione Ciro Vive presenta il progetto “Tammorra, no Gomorra”, il cui scopo è quello di riqualificare il territorio attraverso la musica, il ballo ed i canti della tammorra, che è parte della cultura popolare napoletana. Nella manifestazione sono state coinvolte le associazioni, i comitati e i commercianti dell’ottava Municipalità, che avranno ciascuno un gazebo. Gli stand saranno allestiti con la vendita a prezzi popolari di prodotti tipici napoletani e altri ricavati dalla coltivazione della terre confiscate alla camorra. Il ricavato della serata sarà devoluto in parte per un progetto sociale di rilancio del territorio di Scampìa.

 

 

Oggi su Metropolis


ULTIME NEWS