Tangenti per appalti alla Marina Militare: 9 misure cautelari

Tangenti per appalti alla Marina Militare: 9 misure cautelari

Tangenti per appalti alla Marina Militare: 9 misure cautelari

L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Taranto Valeria Ingenito su richiesta del pm inquirente Maurizio Carbone, e’ stata notificata in carcere, oltre che a Di Guardo, anche all’imprenditore Vitantonio Bruno, arrestato il 22 settembre scorso nell’ambito di un’altra inchiesta per bancarotta fraudolenta, false fatturazioni, dichiarazioni irregolari e truffa in danni di enti pubblici, tra cui la Marina militare. I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria, diretti dal tenente colonnello Renato Turco, hanno arrestato la fidanzata di Di Guardo, la rumena Elene Corina Boicea; gli imprenditori Giovanni Perrone e Valeriano Agliata, quest’ultimo gia’ consigliere comunale di Taranto; Marcello Martire, tarantino, dipendente civile del Ministero della Difesa; gli imprenditori Pietro Mirimao di Narni (Terni); Paolo Bisceglia, di Milano e residente a Messina. Ai domiciliari un carabiniere in servizio a Taranto, Paolo Cesari, nativo di Ferrara (a cui non viene contestato il reato associativo ma l’aver passato informazioni agli indagati). A quest’ultimo la misura cautelare e’ stata notificata dagli stessi carabinieri del comando provinciale. Di Guardo fu fermato dai finanzieri dopo aver ricevuto dall’imprenditore Pastore una tangente di 2500 euro quale secondo acconto, secondo l’accusa, di una maxitangente di quasi 200mila euro per l’aggiudicazione di un appalto – non ancora assegnato – di 11 milioni e 300mila euro per il servizio di pulizie e sanificazione nelle basi di Taranto e Napoli. In carcere quattro giorni dopo fini’ anche la tenente di vascello Francesca Mola, di 31 anni, collaboratrice di Di Guardo, a capo dell’Ufficio Contratti, che avrebbe mostrato a Pastore il progetto della societa’ concorrente. Mola risponde di concorso in corruzione e turbativa d’asta. L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Taranto Valeria Ingenito su richiesta del pm inquirente Maurizio Carbone, e’ stata notificata in carcere, oltre che a Di Guardo, anche all’imprenditore Vitantonio Bruno, arrestato il 22 settembre scorso nell’ambito di un’altra inchiesta per bancarotta fraudolenta, false fatturazioni, dichiarazioni irregolari e truffa in danni di enti pubblici, tra cui la Marina militare. I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria, diretti dal tenente colonnello Renato Turco, hanno arrestato la fidanzata di Di Guardo, la rumena Elene Corina Boicea; gli imprenditori Giovanni Perrone e Valeriano Agliata, quest’ultimo gia’ consigliere comunale di Taranto; Marcello Martire, tarantino, dipendente civile del Ministero della Difesa; gli imprenditori Pietro Mirimao di Narni (Terni); Paolo Bisceglia, di Milano e residente a Messina. Ai domiciliari un carabiniere in servizio a Taranto, Paolo Cesari, nativo di Ferrara (a cui non viene contestato il reato associativo ma l’aver passato informazioni agli indagati). A quest’ultimo la misura cautelare e’ stata notificata dagli stessi carabinieri del comando provinciale. Di Guardo fu fermato dai finanzieri dopo aver ricevuto dall’imprenditore Pastore una tangente di 2500 euro quale secondo acconto, secondo l’accusa, di una maxitangente di quasi 200mila euro per l’aggiudicazione di un appalto – non ancora assegnato – di 11 milioni e 300mila euro per il servizio di pulizie e sanificazione nelle basi di Taranto e Napoli. In carcere quattro giorni dopo fini’ anche la tenente di vascello Francesca Mola, di 31 anni, collaboratrice di Di Guardo, a capo dell’Ufficio Contratti, che avrebbe mostrato a Pastore il progetto della societa’ concorrente. Mola risponde di concorso in corruzione e turbativa d’asta.


ULTIME NEWS