Strisce blu: quando la multa è illegittima

Strisce blu: quando la multa è illegittima

Strisce blu: quando la multa è illegittima

Sempre più spesso i cittadini contestano le multe relative alle ‘strisce blu’, per presunte irregolarità o per violazioni inerenti il ticket. Ma come si fa a capire se una contravvenzione è davvero illegittima? Ecco le nozioni di base, secondo studiocataldi.it.

SOSTA SULLE STRISCE BLU OLTRE L’ORARIO DEL TICKET – Non è infrequente che ci si ritrovi sul parabrezza una multa per aver lasciato l’auto in sosta oltre l’orario coperto dal ticket regolarmente acquistato ed esposto. Il mancato rinnovo del grattino, tuttavia, non integra un illecito sanzionabile: il Codice della Strada, infatti, prevede soltanto che il ticket debba essere acquistato ed esposto in maniera visibile, ma non si pronuncia sulla possibilità che, una volta scaduto, non sia stato rinnovato.

Il dettaglio non è passato inosservato alla giustizia italiana, come dimostrano le pronunce dei Giudici di Pace che hanno portato la vicenda sino all’attenzione del Ministero. Il Giudice di Pace di Lecce, ad esempio, ha chiarito che “La sosta in area regolamentata con titolo di pagamento scaduto non costituisce autonoma fattispecie sanzionata dall’art. 7, comma 1, lett. f) del CdS (che sanziona la sosta effettuata senza titolo di pagamento nelle aree regolamentate)”.

In un parere del 13 marzo 2014, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha precisato che “in materia di sosta, gli unici obblighi previsti dal Codice sono quelli indicati dall’articolo 157, comma 6, e precisamente l’obbligo di segnalare in modo chiaramente visibile l’orario di inizio della sosta, qualora questa sia permessa per un tempo limitato, e l’obbligo di mettere in funzione il dispositivo di controllo della durata della sosta, ove questo esista; la violazione di tali obblighi comporta la sanzione prevista dal medesimo articolo 157, comma 8, del Codice medesimo”. I competenti Uffici del MIT hanno, dunque, ritenuto che il pagamento in misura insufficiente, in aree ove la sosta è consentita a tempo indeterminato e subordinata al pagamento di una somma, configura unicamente un’inadempienza contrattuale.

Un concetto ribadito lo scorso anno dalla nota del MIT n. 53284 del 12 maggio 2015, che ha affidato ai Comuni la possibilità di regolamentare le conseguenze della fattispecie, per meglio corrispondere alle specifiche esigenze di fruibilità e utilizzazione degli spazi da parte dei cittadini. A tal fine il Comune, evidenzia il ministero, può, nell’ampia varietà di misure disponibili, “selezionare e scegliere quelle più idonee per rispondere agli obiettivi che intende perseguire” ad esempio “al fine di favorire il ricambio più o meno frequente dei veicoli in sosta”.

Si tratta di una regolamentazione che nella gran parte dei Comuni italiani non è stata adottata: soltanto esibendo davanti al giudice la necessaria documentazione, infatti, l’Ente territoriale potrebbe “liberarsi” nella causa in cui l’automobilista avesse impugnato la multa ritenuta illegittima. In caso contrario, senza un’eventuale ordinanza, la sanzione dovrà essere dichiarata definitivamente nulla.

Va precisato, tuttavia, che ciò vale nelle aree (la maggior parte) in cui la sosta può avvenire per tempo indeterminato; se, invece, nell’area sono fissati limiti massimi di sosta, la multa è da considerarsi legittima.

Di recente, tuttavia, la Corte di Cassazione (sentenza n. 16258/2016) si è discostata dall’orientamento ministeriale, affermando che la permanenza oltre il tempo pagato integra un illecito amministrativo e non un mero inadempimento: pertanto, sostare nelle strisce blu con il ticket scaduto meriterebbe la multa alla stessa stregua di quanto avviene quando l’automobilista non si munisce affatto di biglietto. Ove la sosta si protraesse oltre l’orario per il quale è stata corrisposta la tariffa, precisano i giudici, si incorrerebbe in una violazione delle prescrizioni della sosta regolamentata, ai sensi dell’articolo 7, comma 15 del Codice della strada.


ULTIME NEWS