PALERMO-TORINO 1-4. Granata scatenati, rovinano la festa per la 1.000ma ai rosanero

PALERMO-TORINO 1-4. Granata scatenati, rovinano la festa per la 1.000ma ai rosanero

Granata scatenati, rovinano la festa per la 1.000ma ai rosanero

Serata amara per il Palermo che non puo’ festeggiare le mille partite in Serie A con una vittoria. Arriva invece la quarta sconfitta in quattro match in casa per i rosanero. Il Barbera non e’ piu’ il fortino dei tempi d’oro e ne approfitta l’ottimo Torino di Mihajlovic che si proietta al quarto posto, ‘passeggiando’ con un rotondo 4-1. Splendida la doppietta di Ljajic, tirato a lucido dopo i tanti infortuni, che recupera l’inziale svantaggio. I gol di Benassi e Baselli chiudono il conto e fanno sprofondare gli uomini di De Zerbi in zona retrocessione. Il Torino parte subito bene (al 3′ Benassi, da solo davanti al portiere, si fa ipnotizzare da Posavec che devia in angolo), ma subisce il vantaggio rosanero. E’ Chochev, schierato titolare da De Zerbi che lo ha preferito a Hiljemark, a portare avanti i rosanero al 5′. Il bulgaro approfitta dell’ottimo cross di Diamanti, che lo trova libero nell’area piccola, e mette in rete di testa alla destra di Hart. Il gol da’ fiducia al Palermo che si butta in avanti alla ricerca del raddoppio, trascinato da Diamanti. Al 14′ De Zerbi deve pero’ rinunciare a Bentivegna (sfortunato il suo esordio da titolare), che si infortuna e lascia il posto a Hiljemark. Gli uomini casa volano sulle fasce con la trazione di Rispoli sulla destra e Aleesami sulla sinistra. Partita divertente, con rapidi cambi di fronte. Al 19′ Benassi, servito dall’ex Belotti, trova la deviazione di Andelkovic. Stessa sorte dalla parte opposta al 22′ con Rispoli stoppato da Castan. Un minuto dopo, gol annullato al Torino per millimetrico fuorigioco di Iago Falque servito da Zappacosta. Al 25′ i granata trovano il meritato pareggio con Ljajic: il suo destro dai 20 metri si infila nel ‘sette’. Il serbo ritrova il gol in serie A dopo sette mesi: l’ultima volta aveva segnato sempre al Palermo, a marzo scorso. Il serbo si ripete con un altro capolavoro al 39′. Stop e dribbling – dal vertice sinistro dell’area piccola – su Gonzalez, concluso con un destro a giro che lascia di stucco l’incolpevole Posavec. Dopo il vantaggio degli ospiti, vola qualche parola di troppo e viene ammonito proprio Ljajic. Amaro finale di tempo per il Palermo che subisce nel recupero la terza rete con Benassi. Il capitano granata, servito centralmente da Baselli, buca Posavec da pochi passi. Nella ripresa De Zerbi sostituisce Hiljemark con Quaison per dare maggiore peso all’attacco, ma e’ il Torino a segnare ancora. Stavolta e’ Baselli, al 5′, che tocca di destro sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Sporco il tocco del centrocampista con la palla che batte a terra e si impenna. Tardiva la respinta di Posavec con Fabbri che convalida la rete. Mihajlovic a questo punto fa riposare Ljajic e inserisce il giovane Boye’ che si rende subito pericoloso da fuori. Pronto Posavec. Con orgoglio, spinto dal pubblico, il Palermo si riporta avanti con Nestorovski e Rispoli che sfiorano la rete. Ancora di testa ci prova Chochev che alla mezz’ora coglie la traversa. Si spegne la luce per il Palermo nel vero senso della parola visto che al 41′ Fabbri e’ costretto a sospendere la partita per un guasto al sistema elettrico. Si riprende dopo un paio di minuti con l’illuminazione dei telefonini dei tifosi che hanno incitato i rosanero fino all’ultimo minuto.


ULTIME NEWS