Torre del Greco. Ponte “abusivo”, spenta la radio dei vigili

Torre del Greco. Ponte “abusivo”, spenta la radio dei vigili

Torre del Greco. Ponte "abusivo", spenta la radio dei vigili

Quando si sono presentati all’ingresso del comando di polizia municipale – all’ora-rio di chiusura – hanno immediatamente catturato l’attenzione dei vigili urbani pronti a chiudere il proprio turno di servizio: «Siamo ispettori del Ministero per lo Sviluppo Economico: c’è un problema», il “biglietto da visita” dei tre funzionari statali. Un attimo di gelo, poi la spiegazione del blitz: «È stata presentata una denuncia da parte di un istituto di vigilanza di Napoli per frequenti interferenze sul canale radio – la premessa degli ispettori -. Attraverso gli accertamenti del caso, siamo risaliti al ponte radio di via Montedoro in uso al comando di polizia municipale di Torre del Greco: si deve immediatamente chiudere». Un ordine eseguito ad horas dagli uomini in divisa guidati dal comandante Salvatore Visone, costretti così a rinunciare ai “collegamenti” via radio con la centrale operativa di largo Costantinopoli. Sul caso è stata immediatamente presentata una relazione all’assessore Salvatore Quirino: «A quanto pare – le parole del fedelissimo del sindaco Ciro Borriello – sarebbero state occupate frequenze non assegnate al comando di polizia municipale: una vera e propria anomalia, considerato che le frequenze sono le stesse da 30 anni». Insomma, secondo gli ispettori statali, le frequenze sarebbero state utilizzate “abusivamente” oppure – in alternativa – in modo improprio, al punto di provocare problemi alla “banda” utilizzata dall’istituto di vigilanza privato di Napoli. «È inutile negare che c’è un pizzico di imbarazzo per una situazione insolita e anomala – ammette Salvatore Quirino – Al momento il responsabile del settore, il capitano Antonio Oculato, non è in servizio per le ferie estive. Ma già a partire dall’inizio della prossima settimana, in ogni caso, procederemo con gli accertamenti del caso. Vogliamo capire cosa sia successo e le ragioni per cui tale problema si è manifestato a cinque anni dal trasferimento nella nuova sede di largo Costantinopoli». Un vero e proprio giallo, capace di scatenare una nuova tempesta sul co-mando di polizia municipale, finito sott’accusa per il ponte radio di via Montedoro.


ULTIME NEWS