Compravendita di video di stupri, esplode il mercato

Compravendita di video di stupri, esplode il mercato

Compravendita di video di stupri, esplode il mercato

In India alcuni negozi vendono per meno di un euro centinaia di video degli stupri di gruppo. Il loro prezzo varia a seconda della “esclusività” delle immagini. I video di alcuni stupri di gruppo sono stati messi in vendita nello Uttar Pradesh, uno Stato nel nord dell’India. A riportare la notizia la testata Times of India che ha indagato sul commercio illegale dei video con le violenze sessuali alle donne indiane. Proprio sotto il naso della polizia – denuncia l’inchiesta del Times of India – ogni giorno si vendono centinaia, forse migliaia, di questi video. La loro durata varia dai 30 secondi fino ai 5 minuti. A seconda della “esclusività” del clip, il loro prezzo oscilla 50 a 150 rupie (da 0,60 a 1,5 euro). Gli stupratori non si limitano quindi a violentare le donne ma registrano lo stupro sui loro telefoni e lo usano come strumento di ricatto per costringere le vittime al silenzio.

Secondo il giornale indiano, i video vengono venduti sottobanco a persone che arrivano su “raccomandazione” di un altro cliente. Ciò nonostante Il commercio illegale di questi autentici “snuff movie” è sempre più dilagante in India. Verrebbe da dire che va di pari passo al numero sempre maggiore di violenze che colpisce le donne indiane.

 


ULTIME NEWS