UDINESE – TORINO 2-2. Gol e spettacolo nel posticipo

UDINESE – TORINO 2-2. Gol e spettacolo nel posticipo

UDINESE - TORINO 2-2. Gol e spettacolo nel posticipo

Il Torino domina per un tempo, va avanti con Benassi ma commette l’errore di non chiudere i giochi; cosi’ l’Udinese, quasi una comparsa per 45′, ribalta tutto con Thereau e Zapata, salvo poi inchinarsi alla perla di Ljajic, che fissa il definitivo 2-2. Non c’e’ stato certo da annoiarsi alla Dacia Arena, tra continui ribaltamenti: un punto a testa per Delneri e Mihajlovic (espulso nel finale), che hanno fatto di tutto per portare a casa il bottino pieno. Alla fine, giusto cosi’. Kums-Thereau-Kums, e’ alto il destro del regista bianconero, confermato da Delneri nel centrocampo a tre con Fofana e Jankto, preferito ad Hallfredsson. Il tridente e’ De Paul-Zapata-Thereau. Nel Torino, Mihajlovic preferisce Boye a Iago Falque, in mediana tornano Benassi e Baselli ai fianchi di Valdifiori dopo le prestazioni opache di Acquah e Obi a San Siro. Inamovibili Ljajic e Belotti e i due ispirano il vantaggio granata: il serbo per l’ex Palermo, che attira a se’ Danilo e infila alla perfezione il corridoio per Benassi, freddissimo davanti a Karnezis. Per Benassi e’ il terzo gol in campionato, Torino avanti dopo 14′. L’Udinese accusa il colpo e Karnezis e’ decisivo sull’offensiva di Belotti, servito da Benassi. Scena muta per i bianconeri in avanti: prima conclusione verso Hart al 32′, firmata Fofana; il centrocampista di Delneri, su un errore di Moretti in disimpegno, avrebbe sul sinistro l’occasione per il pari, ma e’ bravissimo De Silvestri a opporsi in spaccata. Poca Udinese comunque, cosi’ Delneri decide di stravolgere la sua squadra nell’intervallo: dentro Perica e Hallfredsson, fuori De Paul e Kums. La brutta notizia per Mihajlovic e’ l’infortunio di Valdifiori: tocca a Lukic, ma cambia poco, il Torino va vicino al raddoppio con Belotti, destro potente ma impreciso. Il Torino sembra padrone del campo, ma come spesso capita in questi casi, non chiudendo la partita permette all’Udinese di rientrare: da Hallfredsson a Widmer, perfetto il cross dello svizzero per Thereau che, perso da Rossettini, batte Hart di testa trovando l’1-1 al 56′. E’ cambiato tutto, tanto che Fofana, Zapata e Wague ci provano a ribaltare il risultato, senza fortuna. Mihajlovic inserisce Maxi Lopez per Boye’, l’Udinese vola in contropiede: Hart e’ bravissimo su un egoista Zapata, ma sul successivo angolo deve arrendersi di nuovo. Sull’angolo di Jankto, Wague centra il palo, poi la carambola con Barreca favorisce il gol fortuito di Zapata, che in 11 minuti ha capovolto la partita. Belotti tenta di rialzare i suoi, impresa che riesce a Ljajic: sinistro a giro e nuova parita’. Mancherebbe un altro quarto d’ora, ma resta il 2-2 anche se Badu e Zapata nei secondi finali fanno venire i brividi a Mihajlovic, nel frattempo allontanato per proteste.


ULTIME NEWS