Torre Annunziata. La festa di nozze finita in ospedale: si tratta di salmonella

Torre Annunziata. La festa di nozze finita in ospedale: si tratta di salmonella

La festa di nozze finita in ospedale: si tratta di salmonella

L’intossicazione alimentare che ha colpito gli oltre cento invitati alla  cerimonia nuziale dei giorni scorsi, a Villa Cupido, tra Torre Annunziata e Trecase, è stata causata dalla Salmonella.  E’ questo l’esito dell’esame di coprocultura –  esame delle  feci-  effettuato dall’Asl che ha dato corpo a quelli che erano solo dubbi avanzati dagli invitati al momento del ricovero in ospedale degli invitati. Cento persone, tra cui venti bambini e lo sposo, ora fuori pericolo, sono sotto profilassi sudisposizione dei medici che li hanno curati. Tutte sono pronte a chiedere un risarcimento danni anche se i proprietari del locale si difendono: «Da noi solo si serve solo cibo di qualità, non conosciamo l’esito delle analisi ma chiederemo ulteriori controlli». Eppure, con assoluta certezza, gli esami condotti dai medici dell’Asl  parlano di “Salmonella enteritidis”. Quale sia stato l’ingrediente “incriminato” non è ancora chiaro, sono infatti in corso ulteriori analisi a campione sui residui degli alimenti che i medici e il personale dei Nas hanno recuperato in cucina: dalle uova ai funghi, tutti alimenti usati per preparare le pietanze. In quell’occasione i carabinieri sequestrarono decine di campioni nelle cucine ma  anche i residui che erano già stati consumati dagli invitati al banchetto. Il menù scelto dagli sposi era stato preparato a base di funghi e di frutti di mare che, secondo il personale dell’Asl e dei Nas che piombarono nella struttura, erano etichettati, surgelati e conservati secondo le norma. I dubbi si concentrano invece restano sugli ingredienti usati per la torta nuziale, crema e uova contenute all’interno e inoltre anche sulla carne usata come ingrediente aggiuntivo ad uno dei primi piatti serviti. In ospedale  finirono oltre agli invitati anche la coppia di sposi, D.G. e  di R.M., 22 e 23  anni, residenti a Torre Annunziata, ad avere la peggio lo sposo rimasto in gravi condizioni e ricoverato nell’ospedale di Sorrento e dimesso solo pochi giorni fa. Un giorno importante per i due trasformato in incubo. Nel frattempo i proprietari della struttura, difesi dall’avvocato Vincenzo Sorrentino, continuano a sostenere la bontà dei loro prodotti e «da sempre Villa Cupido è un locale di eccellenza e non è stato mai risparmiato nemmeno un euro sui prodotti, sempre diprima scelta e sempre di qualità». Ma le analisi per ora confermano che l’intossicazione è stata causata esclusivamente da “Salmonella enteritidis”. Una situazione che fa scattare anche una vera e propria psicosi in città dove ora si attende di sapere quale sia l’alimento incriminato.


ULTIME NEWS