Senza casa e lavoro: l’odissea di otto salernitani sotto un tetto

Senza casa e lavoro: l’odissea di otto salernitani sotto un tetto

Senza casa e lavoro: l'odissea di otto salernitani sotto un tetto

Storie diverse per un desti­no comune, che li ha visti incontrarsi quando tutti loro stavano vivendo il momento più difficile della loro vita. Un limbo dal quale forse non sa­rebbero stati in grado di uscire se non fosse stato per l’aiuto che hanno ricevuto da chi, del­la generosità e dell’impegno nei confronti del prossimo, ha fatto una ragione di vita, senza contare il sostegno reci­proco che continuano a darsi ancora adesso l’un l’altro, nella speranza che il peggio sia finalmente passato.

Una vicenda toccante e che fa riflettere quella di un gruppo di otto cittadini, che vivono attualmente sotto lo stesso tetto a Torrione, dopo essere stati sull’orlo del baratro, dal quale sono riusciti a salvarsi grazie a due figure chiave che hanno dato loro l’opportunità di giocarsi la cosiddetta “se­conda chance” e di mettere ordine nella loro vita: da un lato don Franco Fedullo, sa­cerdote della chiesa di San Domenico a Salerno, dall’altro Mario Conte della mensa dei poveri.


ULTIME NEWS