L’obiettivo di Milik. Il polacco sogna di giocare a Madrid

L’obiettivo di Milik. Il polacco sogna di giocare a Madrid

L'obiettivo di Milik. Il polacco sogna di giocare a Madrid

Un recupero lampo. E’ l’obiettivo che intende centrare Arek Milik, il bomber polacco fermo ai box per la rottura del legamento crociato del ginocchio. C’è un nuovo motivo dietro la voglia della punta del Napoli di tornare quanto prima in campo. Si chiama Real Madrid, la squadra che farà visita al San Paolo per gli ottavi di Champions League. Il giovane attaccante, sbarcato sotto al Vesuvio in estate per 32 milioni di euro, non vuole perdersi la sfida ai campioni d’Europa, quelli che nell’87 fecero crollare anche Diego Armando Maradona. Milik vuole riscrivere la storia per una vendetta attesa da trent’anni. «La voglia di poter sfidare il Real Madrid è tanta ma devo aspettare prima il parere dei medici. Proverò ad allenarmi e a velocizzare la ripresa per poter giocare almeno la gara di ritorno», le parole del bomber a margine della  presentazione del nuovo calendario del Napoli. «Voglio ritornare sul campo, spero di rientrare per gennaio o febbraio – ha proseguito l’attaccante polacco -. Con me si lotterà per lo scudetto? Non lo so. Dipende da come saremo messi in classifica. Abbiamo intrapreso un bel percorso di positività e speriamo che si possa continuare così fino a quando rientrerò». 

A far dimenticare lo stop di Milik, almeno momentaneamente, ci ha pensato Dries Mertens, il belga che quest’anno ha già segnato dieci gol tra campionato e Champions, impiegato da Sarri nel ruolo di falso nueve. «Sono contento per Mertens che sta segnando tanto – ha aggiunto Milik -. Mi auguro che quando tornerò sarà a sinistra…», la battuta dell’attaccante che punta a riavere presto il suo ruolo da titolarissimo. «Real o scudetto? Sarebbe bello poter raggiungere entrambi gli obiettivi. Sicuramente contro gli spagnoli sarà una grande sfida, ma ora dobbiamo concentrarci sul campionato e sulla sfida col Torino», ha spiegato ancora Milik che nelle prossime ore si sottoporrà a Roma alla seconda delle tre visite mensili post-operatorie. Di certo, il suo recupero sta procedendo spedito. «Sono passati due mesi dall’operazione al crociato, sto facendo il massimo per tornare il prima possibile in campo, non so quando accadrà ma spero di esserci per gennaio-febbraio. Mi sento molto bene – ha aggiunto – i dottori ne sanno più di me, anche perché è la prima volta che subisco questo intervento. Sto facendo tanto in campo, sto correndo bene e giocando col pallone e spero di tornare presto. Dopo il terzo controllo da Mariani vedremo quello che mi dice, appena mi darà il via libera per tornare ad allenarmi in gruppo, ci sarò». 

Milik in questa fase sta lavorando a parte sul campo di Castel Volturno. A seguirlo c’è il dottor De Nicola, leader di uno dei migliori staff medici in Italia. Così come Sarri, che continua a supportarlo quotidianamente. «Sono da due mesi con lui, è il mio primo club italiano e spero sia anche l’ultimo. Proviamo tante tattiche, ci vediamo tutti i giocatori, il suo desiderio è vedermi in campo il prima possibile. Io sono molto felice di essere qui, il Napoli è il club per me. Nuova punta in arrivo? Penso a me stesso. Europeo? Presto per parlarne».


ULTIME NEWS