Niente regali o incontri con le ditte: il “codice” Balducelli per i dipendenti del Comune di Massa Lubrense

Niente regali o incontri con le ditte: il “codice” Balducelli per i dipendenti del Comune di Massa Lubrense

Niente regali o incontri con le ditte: il "codice" Balducelli per i dipendenti del Comune di Massa Lubrense

Evitare il “burocratese” quando si parla con i cittadini. Rifiutare regali da colleghi o privati. Comunicare l’iscrizione a un’associazione o movimento. Non avere rapporti con la stampa. Stampare i documenti solo se necessario. Spegnere a fine giornata i macchinari dell’ufficio. E non incontrare informalmente le ditte interessate agli appalti. Oltre ad avere un abbigliamento decoroso.
Sono le linee guida del codice di comportamento del Comune di Massa Lubrense approvato su preciso input del sindaco Lorenzo Balducelli. Dieci pagine zeppe di raccomandazioni e avvertimenti. Venti articoli che richiamano espressamente alcuni “diktat” già previsti dalla legge. Ma che Balducelli, in un momento molto caldo, vuole rinfrescare al meglio a colleghi di maggioranza, ma soprattutto a funzionari e impiegati. Sia chiaro: nessuno fa la caccia alle streghe. Anche se non manca tensione per via sia dell’inchiesta sul restyling di Punta Campanella (in tutto cinque indagati, fari accesi pure sugli uffici comunali) sia per l’addio clamoroso di Aldo Insigne, l’ex assessore ai lavori pubblici che ha sbattuto la porta perché non gradiva i tempi della macchina comunale su progetti e opere.
In tal senso, con puntualità svizzera, arriva il testo che qualcuno ha già ribattezzato il “codice Balducelli”. Il sindaco ha incassato l’ok dell’intera amministrazione e il regolamento entrerà in vigore nel giro di due settimane. Tra i primi punti del codice c’è la chiarezza che ogni dipendente deve avere nei confronti dei cittadini: bisogna essere chiari, spiegando tutto su ogni istanza nel modo più semplice possibile. Semaforo rosso, però, qualora dovesse scapparci un cadeux legato proprio all’attività professionale. Non si possono accettare regali e bisogna darne comunicazione tempestiva all’ufficio anticorruzione del Comune. Lo stesso si dovrà fare in caso di iscrizione a un’associazione sociale o comunque a un movimento a esclusione del tesseramento in un partito. E la comunicazione? Prima di rilasciare dichiarazioni alla stampa bisognerà passare dal sindaco che dovrà valutare l’ipotesi di concordare un comunicato. Spazio anche alla spending review: stop agli sprechi, bisogna fotocopiare o stampare i documenti soltanto se non se ne può fare a meno. Vietato concedere appuntamenti a ditte o professionisti interessati a mettere le mani sugli appalti. Le pene? Dal richiamo alle sanzioni disciplinari, sino al licenziamento nei casi più gravi. Oltre ovviamente al “normale” decorso della polizia giudiziaria.


ULTIME NEWS