Armi e droga, stangati gli zii del baby boss di Torre Annunziata

Armi e droga, stangati gli zii del baby boss di Torre Annunziata

Armi e droga, stangati gli zii del baby boss di Torre Annunziata

Torre Annunziata. Sotto la botola che portava alla cantina c’era un kalashnikov modificato con tanto di due caricatori, uno dei quali già carico con trenta cartucce, cocaina, marijuana e tutto il necessario per confezionare la droga.

Il “mondo segreto” scoperto agli inizi di gennaio sotto il pavimento della loro abitazione in traversa Mazzini porta dritto a una stangata per Antonio Improta, 53 anni, e Maria Paduano, 55 anni sorella di Ciruzzo ‘a bucatura e quindi zia del baby-boss del clan Gionta Salvatore “Sasà” Paduano.

Dieci anni e otto mesi per il marito, otto anni e otto mesi per la moglie: questo il verdetto emesso ieri dal gup Mariaconcetta Criscuolo del Tribunale di Torre Annunziata.

Alessandra Staiano

+++ tutti i dettagli e gli approfondimenti oggi in edicola su Metropolis Quotidiano +++


ULTIME NEWS