Fiorentina-Napoli, le pagelle: difesa vulnerabile e centrocampo molle, Reina insicuro

Fiorentina-Napoli, le pagelle: difesa vulnerabile e centrocampo molle, Reina insicuro

Le pagelle di Fiorentina-Napoli

Reina 5,5. Da Pepe ci si aspetta di più, poteva fare sicuramente meglio sul secondo gol di Bernardeschi. Bravo a gestire la sfera coi piedi, dove riesce a smistare bene la palla pur prendendosi qualche rischio. Non può nulla sui restanti gol.

Hysaj 6. Tiene bene la zona, nonostante un avversario ostico come Bernardeschi. Prova sempre a dare supporto sulla corsia di destra, ma le qualità dell’albanese non emergono per la spinta offensiva.

Albiol 6,5. Guadagna un’ammonizione dopo pochi secondi dal via, ma la prestazione di Raul non è condizionata dal cartellino. Riesce a dare ordine alla retroguardia anche dopo l’infortunio di Chiriches.

Chiriches 6,5. Il suo infortunio mette a rischio la stabilità del reparto arretrato. L’alternativa di Koulibaly veniva da un buon momento di forma, e la sua prestazione stava confermando l’ottimo rendimento. Esce per problemi muscolari. 

Ghoulam 5. Chiesa riesce a superarlo in più circostanze, sfiorando spesso la rete. Meglio in fase offensiva dove il Napoli ha la possibilità di fare gol sui suoi assist. Perde Zarate sul terzo gol.

Diawara 6. Rincorre gli avversari come un forsennato, coprendo gli spazi lasciati da Hamsik. Meno bene sul palleggio, ma riesce comunque ad adempire al suo dovere guadagnando la sufficienza. 

Zielinski 5,5. Qualche buono spunto, ma spesso risulta superficiale regalando palla alla Fiorentina in zone pericolose. Serve maggior convinzione viste le qualità indiscutibili del polacco.

Hamsik 6. Gioca 60’ di gran livello, innescando tutte le azioni degli azzurri. Cala vistosamente nell’ultimo quarto di gara dove perde qualche pallone di troppo.

Callejon 5,5. Troppo fuori dal gioco, non incide in fase offensiva. I suoi inserimenti sono mancati agli azzurri. Meglio nel primo tempo con i suoi tagli imprevedibili. 

Insigne 6,5. Pesca il coniglio dal cilindro con una grande conclusione da fuori a trovare l’incrocio dei pali. Sempre nel vivo del match, lo scugnizzo prova a rendersi pericoloso scambiando palla con i compagni ma non riesce a trovare la via del gol nella ripresa.

Mertens 7,5. Ancora una volta il migliore in campo, segna un gol da rapina, sottraendo la palla a Tomovic e guadagnando un rigore da rapace d’aria allo scadere. Il Napoli ha trovato l’intesa perfetta con il belga e il napoletano.

Maksimovic 5,5. Non è un caso che Sarri gli preferisca spesso Chiriches. Le qualità individuali ci sono, ma l’affinità con i movimenti richiesti dal toscano non sono dei migliori. Si aspetta di più dal serbo.

Allan 6. Assicura nuovo vigore al centrocampo azzurro, la sua consistenza rappresenta un’alternativa rispetto alle caratteristiche del duo Zieliski-Hamsik.

Gabbiadini 7. Non era facile trovare la freddezza nel siglare il gol dal dischetto, un eventuale errore l’avrebbe reso colpevole di una sconfitta. Ma Manolo riesce ad allontanare tutte le paure e segnare il gol del pareggio in una notte dal sapore di addio anticipato. 

Sarri 6. Il Napoli non riesce ad imporre il suo gioco come solito, la squadra azzurra sembra leggermente in affanno. Ma la vittoria scappa dalle mani dei partenopei solo per eventi fortuiti, come l’infortunio di Chiriches e il gol di Bernardeschi. Di sicuro, però, il suo Napoli deve migliorare in termini di equilibrio. Quando subisce la partita va troppo in affanno, non sapendo più colpire nemmeno in contropiede. 

 


ULTIME NEWS