Dalle pistole a Babbo Natale: la rivincita dello scugnizzo di Torre Annunziata

Dalle pistole a Babbo Natale: la rivincita dello scugnizzo di Torre Annunziata

Dalle pistole a Babbo Natale: la rivincita dello scugnizzo di Torre Annunziata

Punta il pollice all’insù, sorride e mostra un sacco pieno di doni e di cioccolata mentre sfila tra i lettini del reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale Santobono di Napoli. Ma Marco (nome di fantasia), invece, sino a due anni fa impugnava coltelli e pistole. Negli ambienti era conosciuto perchè esperto nelle risse, abile nell’evitare le “guardie” e soprattutto nel picchiare chi osava ribellarsi. In seicento giorni però la sua vita è cambiata.  E’ una delle tante storie che trovano voce grazie a don Antonio Carbone, il parroco salesiano del rione murattiano Ddi Torre Annunziata che ogni giorno, insieme a don Sam, strappa leve alla camorra. Marco, è uno degli “angeli” salvati. Uno scugnizzo coraggioso e violento, determinato ma che è riuscito a dominare  gli effetti negativi scaturisti dal contesto di degrado e abbandono nel quale per anni ha vissuto. E così, la notte di Natale, dopo il cenone si è travestito da Babbo Natale e ha distribuito i giochi che nell’ospedale napoletano. 

+++TUTTI I DETTAGLI SULL’EDIZIONE DI METROPOLIS IN EDICOLA QUESTA MATTINA+++


ULTIME NEWS