Far West per lo scooter a Torre del Greco: indagini ferme al palo. Nessuna traccia dei rapinatori di Antonio

Far West per lo scooter a Torre del Greco: indagini ferme al palo. Nessuna traccia dei rapinatori di Antonio

Far West per lo scooter a Torre del Greco: indagini ferme al palo. Nessuna traccia dei rapinatori di Antonio

Torre del Greco. A 72 ore dal tentativo di rapina sfociata nel sangue, resta aperta la caccia ai due banditi pronti a sparare tre colpi di pistola contro Antonio Malinconico – marittimo di 20 anni, incensurato – per portare via il suo Honda Sh 300. Le immagini acquisite dalle telecamere dei vari impianti di videosorveglianza dislocati sul percorso dell’inseguimento scattato in via Guglielmo Marconi e concluso con la sparatoria in via Cesare Battisti non avrebbero consentito ai carabinieri – a cui è stata affidata la delega delle indagini coordinate dalla procura di Torre Annunziata – di acquisire elementi utili a dare un volto e un nome ai banditi dal grilletto facile.

Insomma, al momento, le uniche informazioni in mano ai militari dell’Arma agli ordini del capitano Emanuele Corda e del tenente Francesco Simone si limitano alle testimonianze raccolte tra gli amici della vittima. Tutti, a larghe linee, concordi a indicare in due il numero dei malviventi e a sottolineare come entrambi avessero il volto coperto dai caschi.

Maggiori dettagli potranno essere acquisiti solo con l’interrogatorio della vittima, attualmente ricoverata nel reparto di chirurgia dell’ospedale Sant’Anna e Madonna della Neve: al momento, Antonio Malinconico resta sotto stretta osservazione sebbene le sue condizioni ora non preoccupino i camici bianchi.

Durante la prima chiacchierata con i genitori, il marittimo di 20 anni avrebbe spiegato di essere stato avvicinato all’esterno dell’African Bar e di essere stato inseguito dai banditi in sella a due scooter di colore bianco. Arrivato a due passi da una nota pizzeria del suo quartiere, Antonio Malinconico avrebbe fatto scendere dal suo Honda Sh 300 l’amica con cui era uscito e avrebbe provato a raggiungere la comitiva radunata davanti al locale. Inutilmente: tre colpi esplosi in rapida successione hanno raggiunto il ventenne alle spalle, trapassando il torace e l’addome e spaccando in due una caviglia.

Una versione al vaglio dei carabinieri della caserma Dante Iovino, impegnati a dare un volto e un nome ai rapinatori. Fino a oggi, senza successo. 


ULTIME NEWS