La Locanda del Profeta: a Napoli sapori dal mondo tra tradizione e innovazione

La Locanda del Profeta: a Napoli sapori dal mondo tra tradizione e innovazione

La Locanda del Profeta: a Napoli sapori dal mondo tra tradizione e innovazione

Vecchie corde delle navi usate come arredi per lampadari. Tavoli   di legno “recuperati” dai tanti Paesi stranieri dove ha lavorato. E prodotti doc della tradizione locale e internazionale, che ha espresso attraverso un menu di benvenuto per palati fini: gelato al salmone con caviale iraniano, sorbetto alle foglie d’ostrica con polpa di passion fruit, gamberi di Mazara del Vallo su pesto di pistacchio e la sua specialità, la Settima Profezia (spaghettoni Gemme del Vesuvio in salsa di ostriche su tartare di gamberi rossi e foglia d’ostrica). Ma anche candele spezzate alla genovese di cipolla ramata di Montoro, cotoletta di vitellina alla milanese e per dessert spugna all’arancia su salsa di more, sorbetto al lampone di Pina Molitierno e perle di menta. Un menu di alta classe con cui Simone Profeta (nella foto), chef dell’omonima Locanda di vico Satriano a Napoli, ha deliziato il palato degli addetti ai lavori, a cui ha presentato il rinnovato ristorante di Chiaia (nei locali che prima ospitavano Tartufi Che Passione). Nel nuovo progetto ci si è staccati da baccalà e tartufi che caratterizzavano il vecchio format e si è dato ampio spazio agli abbinamenti tra mare e terra. E nello stesso tempo a diverse tecniche di preparazione, come cottura sottovuoto, a bassa temperatura e affumicature. Un lavoro di “restyling” pensato per aumentare l’esperienza gastronomica degli ospiti. Tutte le portate vengono realizzate esclusivamente nella cucina del locale, a partire dal pane, che cambia di volta in volta, a seconda del menu. La pasta è del pastificio Le Gemme del Vesuvio, la carne è di Io Sono la Chianina e i gelati e i sorbetti sono della maestra gelatiera Pina Molitierno di Vanilla Ice Lab. Mentre la carta dei vini spazia dalle etichette regionali a quelle internazionali. Ma chi è lo chef che ha portato nei vicoli del “salotto buono” di Napoli i sapori mediterranei mescolati e rivisitati attraverso lo sposalizio con i piatti di altri Paesi del mondo? Simone Profeta, classe 1989, di madre napoletana e padre siciliano, ha avviato il suo percorso all’istituto alberghiero “De Gennaro di Vico Equense”. A 16 anni inizia a lavorare presso il ristorante “Le stalle del Generale” sotto la guida dello chef Gaetano Iodice. A 21 anni è passato al Tiberio Palace di Capri come commis, dove ha appreso le dinamiche della linea di cucina. Si è poi trasferito a Londra, dove ha lavorato nelle cucine di vari ristoranti. 

Al suo ritorno in Italia Profeta è approdato al ristorante “Tartufi che passione” nella veste di sous chef, per poi diventare executive. Dal 2015 è entrato inoltre a far parte della Rational, azienda leader nel settore di sistemi di cottura professionali. Dopo cinque anni in questo progetto, che lo ha fatto crescere ma che iniziava a stargli un po’ stretto, insieme al socio Giampiero Persico, Simone ha deciso di avviare un nuovo ristorante, più vicino alla sua idea di cucina, dando vita alla Locanda del Profeta.


ULTIME NEWS