I bussolotti della speranza, la carica dei 500 per le nuove case a Sant’Agnello

I bussolotti della speranza, la carica dei 500 per le nuove case a Sant’Agnello

I bussolotti della speranza, la carica dei 500 per le nuove case a Sant'Agnello

C’è chi spera di ottenere un appartamento da regalare al figlio. Altri invece sognano di avere un tetto dopo aver peregrinato per anni tra fitti esosi e locali di fortuna. Poi giovani coppie che, prima di sposarsi, cercano la certezza di una casa.
Sono i 516 potenziali inquilini del complesso immobiliare da realizzare a Sant’Agnello con un’operazione di housing sociale che prevede 53 alloggi. Il primo passo verso l’assegnazione delle case è stato fatto ieri mattina quando in sala consiliare il sindaco Piergiorgio Sagristani ha estratto i 165 nominativi di coloro che hanno presentato la domanda per ottenere gli appartamenti in locazione. Oggi ci sarà la fase-due, quella che vedrà in corsa 351 istanze per l’acquisto degli alloggi. Il sorteggio serve “solo” a comporre la graduatoria che dovrà essere rivista secondo criteri fissati dal bando. Ovvero reddito, condizioni del nucleo familiare e presenza di persone diversamente abili. Un 10 per cento del “parco abitativo” verrà assegnato a esponenti di forze dell’ordine.
E’ stata una mattinata di attesa e fibrillazione. In tanti hanno incrociato le dita per la “riffa” pubblica voluta dallo stesso Sagristani. Un metodo trasparente, con i nominativi dei richiedenti contenuti in bussolotti custoditi in una teca. Il sorteggio è stato completato estraendo uno per uno i firmatari delle richieste. «Il nostro impegno sarà sempre nel cercare di dare risposte al problema del disagio abitativo dei nostri cittadini, in modo trasparente e nel pieno rispetto delle procedure stabilite» ha scritto su Facebook il primo cittadino a sorteggio concluso. Poi a mente fredda rilancia: «Abbiamo potuto constatare con mano le aspettative della gente che ci ha confermato quanto sia presente l’attesa per un appartamento – dice l’ex assessore provinciale al turismo -. Contiamo di poter concludere tutto per il meglio consapevoli di aver fatto il possibile per rispondere alle esigenze dei cittadini».


ULTIME NEWS