Castellammare: gli scrutatori del Referendum non sono stati pagati

Castellammare: gli scrutatori del Referendum non sono stati pagati


Referendum amaro non solo per Matteo Renzi, ma anche per 150 tra scrutatori e presidenti di seggio di Castellammare di Stabia. A oltre due mesi dalla vittoria del “no” alla riforma costituzionale, chi ha garantito l’apertura delle urne il 4 dicembre scorso si è ritrovato senza il rimborso. Un problema riscontrato soltanto da chi si è recato in banca, presso la tesoreria comunale, oltre la data del 31 dicembre 2016. Oltre questa data i mandati di pagamento (inviati dal Comune) non incassati dagli aventi diritto, sono stati messi in quarantena dal Credito Popolare Italiano, in attesa che Palazzo Farnese firmi un nuovo mandato. I dettagli su Metropolis quotidiano in edicola oggi


ULTIME NEWS