Cda dell’Acse, dietrofront dei commissari di Scafati

Cda dell’Acse, dietrofront dei commissari di Scafati

Cda dell'Acse, dietrofront dei commissari di Scafati

Scafati. La triade commissariale fa dietrofront e rimodula i componenti del Consiglio di Amministrazione dell’Acse, ripescando la quota rosa dimenticata. Il colpo di scena è arrivato a 48 ore esatte dall’assemblea con cui il prefetto Gerardina Basilicata, la vice Maria De Angelis e il dirigente Augusto Polito avevano sospeso il mandato al precedente Cda (nominato dall’amministrazione Aliberti), assegnando a tre consulenti esterni la guida della partecipata che si occupa di rifiuti a Scafati.

Gli incarichi conferiti dai funzionari dello Stato, infatti, non avevano tenuto conto della legge che impone il rispetto delle quote di genere (il sesso meno rappresentato deve ottenere almeno un terzo dei componenti di ciascun organo). In particolare nel nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Acse non era stata inserita alcuna donna. Errore che ha spinto i commissari del Comune di Scafati a correre subito ai ripari, rimodulando i componenti. E così ieri mattina, nel corso di una riunione andata in scena a Palazzo Mayer, è stato conferito l’incarico a Ilaria Imperatore che prende il posto di Filippo Maraniello. La 42enne salernitana ricoprirà il ruolo di consigliera nel Cda, mentre Gaetano Infranzi è stato “promosso” a vice del presidente Daniele Meriani. 

+++L’ARTICOLO COMPLETO SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS IN EDICOLA+++


ULTIME NEWS