Lotta alla pesca illegale: Bruxelles fissa i porti Italiani abilitati per lo sbarco dei prodotti ittici

Lotta alla pesca illegale:  Bruxelles fissa i porti Italiani abilitati per lo sbarco dei prodotti ittici


L’Unione europea, per lottare piu’ efficacemente contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, ha fissato l’elenco dei porti in Italia e negli altri Stati membri dell’Ue, in cui “sono autorizzate operazioni di sbarco e trasbordo di prodotti della pesca e dove i pescherecci di Paesi terzi hanno accesso ai servizi portuali”. Si tratta dei porti di Ancona, Brindisi, Civitavecchia, Fiumicino (non e’ un posto di ispezione frontaliero dell’Ue). Genova, Gioia Tauro, La Spezia, Livorno, Napoli, Olbia, Palermo, Ravenna, Reggio Calabria, Salerno, Taranto, Trapani, Trieste, Venezia. La decisione e’ stata pubblicata oggi sulla Gazzetta ufficiale dell’Ue.


ULTIME NEWS