Porto di Sorrento, l’ombra degli abusivi sul parcheggio: denuncia choc su Fb

Porto di Sorrento, l’ombra degli abusivi sul parcheggio: denuncia choc su Fb

Porto di Sorrento, l'ombra degli abusivi sul parcheggio: denuncia choc su Fb

«Mi è stato detto che se volevo parcheggiare dovevo pagare 20 euro lasciando anche le chiavi dell’auto perché mi trovavo su suolo privato». Un’accusa choc che agita di colpo Facebook e rende incandescente la rete. E’ quella fatta da un professionista del posto in un gruppo social a proposito del caos parcheggi. Nel mirino finisce la gestione dell’area di sosta di piazza Marinai d’Italia.
Si tratta di un presunto caso di “pizzo” sul parcheggio. Ovviamente bisogna effettuare approfondimenti e stando alle voci il Comune intende capire se la denuncia su Fb sia fondata o si tratti di un caso millantato. La questione rimane aperta: la giunta, di recente, ha scelto di annullare la gara d’appalto triennale per l’assegnazione delle aree di sosta. Scoppiò una faida senza quartiere tra cooperative e società in corsa che volevano accaparrarsi la gestione che avrebbe fruttato al Comune una cifra vicina a 400mila euro. Sulla vicenda pendono sia annunci di querele sia interrogazioni in consiglio comunale.
Sia chiaro, pesa molto il racconto fatto su Fb dall’utente di turno: «Oggi sono sceso al porto di Sorrento per un rapido pasto – si legge nel messaggio -. Non conoscendo le diatribe sui parcheggi locali, volevo parcheggiare in piazza Marinai d’Italia. Al mio arrivo sono stato avvicinato da un personaggio che con poche parole mi ha detto che quello era un suolo “privato”, che il parcheggio pubblico era stato soppresso e che se volevo parcheggiare dovevo pagare 20 euro, lasciarla con le chiavi e che poi al mio ritorno mi avrebbe restituito l’auto (ovviamente sulla parola senza scontrino o ricevuta!!!). Ho chiesto di qualificarsi con un tesserino o uno straccio di autorizzazione, ma questo irridendomi mi ha detto che li è così, prendere o lasciare (andarsene) è così ho fatto. In tutto questo chi tutela la legalità di noi poveri cittadini, il Comune che fa? Bel biglietto da visita per Sorrento». A questo messaggio sono scattate numerose reazioni indignate. In tanti concordano: «Si faccia una denuncia a polizia e carabinieri».


ULTIME NEWS