Dai banchi del Liceo al sogno dell’imprenditoria, 17enne stabiese lancia il suo brand di alta moda

Dai banchi del Liceo al sogno dell’imprenditoria, 17enne stabiese lancia il suo brand di alta moda

Dai banchi del Liceo al sogno dell'imprenditoria, 17enne stabiese lancia il suo brand di alta moda

Castellammare. Dai banchi del Liceo al sogno dell’alta moda. Diciassette anni e le idee chiare sul suo futuro a tal punto da presentare, ancor prima di raggiungere la maggior età, il marchio d’abbigliamento “Dieci e lode”. E’ la storia di Simone Somma, uno studente iscritto al quarto anno del Severi di Castellammare di Stabia, che nella serata di martedì ha lanciato il brand al Soho vintage Pub alla presenza di oltre un centinaio di persone. 

A 17 anni si divide tra i banchi e il suo impegno da imprenditore, a tal punto che ha scelto personalmente i tessuti che sono andati a comporre il catalogo 2017, ha curato il blog e la pagina Facebook attraverso i quali resta in contatto con i clienti. 

«Per ora commercializzo felpe e magliette esclusivamente di sartoria italiana, ma ci sono già altri progetti sui quali sto lavorando – spiega Simone Somma – Con il mio papà Giovanni vogliamo dedicarci anche all’organizzazione di eventi esclusivi e a realizzare un’Accademia del calcio con l’obiettivo di dare la possibilità ai giovani talenti del nostro territorio di potersi affermare. Lo sport e l’abbigliamento viaggiano insieme perché spesso sono proprio i personaggi sportivi a indirizzare i gusti dei giovani nel modo di vestirsi. E’ un aspetto che tengo sempre presente quando scelgo il modello di una t-shirt, piuttosto che di una felpa». 

Insomma, 17 anni e già le idee chiare: «Continuerò gli studi con l’obiettivo di laurearmi ma allo stesso tempo lavoro per affermarmi nell’alta moda – dice – E‘ un sogno che ho fin da piccolo perché questo settore mi ha sempre affascinato». D’altronde anche il nome del suo brand deriva da un risultato scolastico: «Dieci e lode è il voto della licenza media che ho conseguito nel 2013 – ammette – E’ un ricordo al quale sono legato e ho pensato di trasformarlo in un marchio». 

Nel catalogo per il 2017 ha coinvolto anche i compagni di banco: «Sì è vero, sono i modelli del mio catalogo. E‘ stato molto divertente lavorare con loro e mi piacerebbe continuare a farlo anche in futuro», conclude il più giovane imprenditore di Castellammare di Stabia.


ULTIME NEWS