Aggredita con un cavo elettrico, il convivente di Nocera: «Non volevo ucciderla»

Aggredita con un cavo elettrico, il convivente di Nocera: «Non volevo ucciderla»

Aggredita con un cavo elettrico, il convivente di Nocera: «Non volevo ucciderla»

«Non avevo intenzione di ucciderla». Si è difeso così davanti al giudice per le indagini preliminari Eugenio Di Nicola, l’uomo di Nocera Inferiore arrestato a seguito dell’aggressione ai danni della sua convivente, che poteva costare caro a quest’ultima. Per il 57enne è stata confermata la misura della custodia cautelare in carcere, con l’accusa di tentato omicidio. Ieri, assistito dall’avvocato De Nicola, è stato ascoltato dal gip presso il Tribunale di Nocera Inferiore, Giovanna Pacifico, in merito ai fatti consumatisi martedì in via Gramsci, nel contesto di un’accesa lite tra i due conviventi. Di Nicola si è giustificato asserendo di non aver mai pensato di assassinare la malcapitata, di 47 anni.

 

+++TUTTI I DETTAGLI SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS