Green Park, area giochi e campetto per i bimbi del Parco Verde di Caivano

Green Park, area giochi e campetto per i bimbi del Parco Verde di Caivano

Green Park, area giochi e campetto per i bimbi del Parco Verde di Caivano

Un’area giochi e un campo di calcetto. Strutture che dovrebbero essere la norma per tutti i bambini. Un nuovo spazio di socializzazione e aggregazione sociale per l’infanzia al Parco Verde.  Un luogo finito negli ultimi anni alla ribalta della cronaca per le violenze subite da tanti minori, a partire dalla piccola Fortuna Loffredo. In quest’ottica è stato inaugurato il campetto polifunzionale Green Park di Caivano, ricavato da pneumatici fuori uso raccolti in tutta la Campania, tra 2013 e 2014, dall’associazione “Un’Infanzia da vivere” insieme a Forum Giovani Caivano, Alma Mundi, Talitàcum e la Guardia Ambientale di Caivano. Un intervento reso possibile grazie al protocollo per gli interventi di gestione straordinaria dei Pneumatici Fuori Uso abbandonati nella Terra dei Fuochi. A seguito di quest’operazione, Caivano si è qualificato come secondo Comune più virtuoso per la raccolta di pneumatici. Geos Environment ha sostenuto l’iniziativa con la realizzazione del calendario Felix people 2017, come strumento di pubblicizzazione e promozione, con la speranza di rendere visibili gli sforzi per la creazione di un ciclo virtuoso che possa contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale, all’utilizzo di risorse rinnovabili e alla creazione di spazi destinati ai bambini e alla comunità. In quanto partner del Consorzio, Ecopneus ha partecipato attivamente alla realizzazione dell’area attrezzata al gioco e del campetto, realizzato in erba sintetica, granuli elastici di varia natura e pneumatici riciclati.

Tra i progetti futuri delle associazioni volontarie la riqualificazione di 17 aiuole all’interno del Parco Verde e la creazione di laboratori; uno di questi, “Mani in arte”, prevede da parte dei piccoli partecipanti la lavorazione del pane e la sua distribuzione nelle case del parco, impegnandoli così in attività creative e stimolanti, e sottraendoli alla strada e alla criminalità. Al taglio del nastro sono intervenuti tra gli altri: don Maurizio Patriciello, il vice sindaco di Napoli Raffaele del Giudice, il sindaco di Caivano Simone Monopoli, Vittorio Terracciano di Confimpresa Campania, il console del Nicaragua Gerry Danesi, il presidente di Alma Mundi, il presidente del Popolo in Cammino Gianluca Torelli, il presidente della Cad Giuseppe Argiento, il dirigente Bartolomeo Perna, l’incaricato del Governo per il contrasto dei roghi in Campania della Prefettura di Caserta Michele Campanaro, il presidente di Un’Infanzia da vivere Chiara Campestre, Guido Costanzo di Ecopneus e Rita de Marinis di Ecopneus, il comandante Nucleo Ambiente Enrico Del Gaudio, l’amministratore unico Sma Campania Lorenzo di Domenico, Dario Gravina comandante compagnia D’Afragola della Guardia di Finanza, Annamaria Martuscelli e Lucio Righetti dell’ente Osservatori Civici Campania, il presidente Uisp Napoli Antonio Mastroianni.


ULTIME NEWS