“No al contratto pirata”: mille vigilantes scendono in piazza

“No al contratto pirata”: mille vigilantes scendono in piazza

"No al contratto pirata": mille vigilantes scendono in piazza

Un enorme striscione “No al contratto pirata”. A portarlo per le strade del centro di Napoli circa mille guardie giurate oggi in sciopero per protestare contro il rischio di perdere lavoro e diritti. ‘Armati’ di bandiere e striscioni i vigilantes radunati stamattina a piazza Matteotti hanno ‘sfilato’ nelle strade principali del centro fino ad arrivare sotto la sede della Prefettura a piazza Plebiscito. “Questa manifestazione è la prova evidente che il settore è stanco di aspettare le istituzioni immobili, bisogna intervenire subito altrimenti tra qualche anno sarà realmente finito” denunciano il Segretario Generale della Fisascat CISL, Stefania Chirico ed il Segretario Pietro Contemi che insieme ad alcuni rappresentanti dei sindacati Fisascat Cisl, Filcams CGIL e UILTuCS sono ora in riunione con il vicario del Prefetto con delega alle Problematiche del Lavoro, Biagio Del Prete. Sono circa 150 le guardie giurate  – che tra varie vertenze – oggi rischiano di perdere il lavoro in un settore che nella Regione Campania è già messo a dura prova dalle vicende giudiziarie e che va “verso la degenerazione” – come denunciano i sindacati – con l’applicazione di un “contratto pirata” sottoscritto da organizzazioni sindacali e associazioni datoriali “che non possono definirsi né maggiormente né comparativamente più rappresentative e che nella stesura del testo si sono posti il solo obiettivo di indebolire il mercato del lavoro e far perdere salario ai lavoratori”. Non riconoscendo inoltre il pagamento dei primi tre giorni di malattia e facendo perdere ai lavoratori dai 120 ai 250 euro mensili.  “Si è scatenata una vera e propria guerra di mercato tra aziende che competono a tariffe diverse, e a trarre beneficio – concludono – sono solo le committenze sia pubbliche che private, che nonostante la determina dell’ANAC del 2015 e i richiami nel nuovo Codice degli Appalti aggiudicano appalti a 12.50 euro all’ora”.

 


ULTIME NEWS