Basta diffamare Napoli e napoletani, arrivano le querele. Sarà possibile segnalare offese online. De Magistris: «Solo verità»

Basta diffamare Napoli e napoletani, arrivano le querele. Sarà possibile segnalare offese online. De Magistris: «Solo verità»

Basta diffamare Napoli e napoletani, arrivano le querele. Sarà possibile segnalare offese online. De Magistris: «Solo verità»

C’è chi ha definito Napoli “fogna d’Italia’ e chi ha auspicato l’intervento del Vesuvio per “lavare con il fuoco” i napoletani. C’è chi ha chiamato in causa la camorra, chi i rifiuti, chi perfino il colera. In tanti, negli anni, a Napoli e ai napoletani hanno rivolto un bel po’ di offese. Ora il Comune, sindaco in testa, dice basta. E chi diffamerà la città sarà querelato, promette, senza se e senza ma. Benvenuti nello sportello online ‘Difendi la città’, dove si potranno segnalare offese, allegare screenshot dei profili social, foto. “Una novità assai interessante, una comunità che difende la propria comunità”, la definisce il sindaco Luigi de Magistris. Ma sui social non tutti ne sono convinti e in barba a minaccia di querela, c’è chi parla di “caccia alle streghe” e di “metodi da Gestapo”. La presentazione dello ‘sportello’ che si legge online è più che chiara: “Da tempo ma sempre più spesso si assiste ad una narrazione distorta e a volte diffamatoria della città di Napoli rendendola oggetto di pregiudizi, stereotipi e dannose generalizzazioni. In riferimento alle attività promosse nell’ambito della delega Napoli Città Autonoma, il Comune istituisce lo sportello online ‘Difendi la Città’ per raccogliere le segnalazioni dei cittadini napoletani relative alle offese contro Napoli, chiedendo attraverso gli uffici comunali interessati precisazioni ed apposita rettifica ma eventualmente avviando, previa attenta valutazione dell’Avvocatura comunale, iniziative legali per tutelare la dignità del territorio, l’immagine e la reputazione della città di Napoli e del popolo partenopeo”. Il sindaco, tutto questo, lo spiega così: “Non si tratta di essere insofferenti alle critiche delle quali abbiamo bisogno”. Il discorso è un altro e lo sintetizza in una frase che, in conferenza stampa, pronuncia in dialetto: “Hanno fatto di tutto per ‘schiattarci'”. A chi gli chiede se così i napoletani non rischiano di passare per permalosi e vittimisti, il sindaco risponde: “No, il vittimismo, il piagnisteo, le manie di persecuzione non c’entrano proprio nulla. Non è una santificazione della città o una insurrezione razziale”. É, piuttosto, una “contro narrazione”: “Non intendiamo fare una propaganda o fare un mezzo di comunicazione alternativo ma vogliamo difendere la città quando chiunque, chiunque esso sia, fa una ricostruzione contraria al vero della città che frena le potenzialità”. E così se un sindaco al pari di un cittadino, se un italiano al pari di uno straniero offenderà Napoli sarà querelato. Anche i cori da stadio rientreranno nella valutazione dell’Avvocatura. E se poi qualcuno sarà condannato a pagare i danni, i soldi ricavati dal risarcimento saranno destinato a questo: “Faremo soprattutto azioni civili, piccoli azioni per migliorare l’arredo, il decoro e la qualità dei servizi”. Lo sportello rientra nel progetto Napoli città autonoma. “Napoli sarà la prima città ad avere uno statuto autonomo nell’Italia del terzo millennio – conclude de Magistris – Il nostro è un progetto vero che non è contro nessuno ma è per la città”.


ULTIME NEWS