Assalto al portavalori a Castellammare, il racconto dei vigilantes feriti: «I malviventi erano pronti ad uccidere»

Assalto al portavalori a Castellammare, il racconto dei vigilantes feriti: «I malviventi erano pronti ad uccidere»

Assalto al portavalori a Castellammare, il racconto dei vigilantes feriti: «I malviventi erano pronti ad uccidere»

Castellammare di Stabia. «Abbiamo ancora il rumore degli spari nella testa». Nicola e Gaetano, i due vigilantes feriti durante l’assalto al portavalori, sono sdraiati uno accanto all’altro su un lettino nel pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo.

Gaetano, 46 anni di Frattamaggiore, è sotto shock. Si lamenta, non riesce a parlare, sulla testa porta il segno del calcio di una pistola. Una ferita che gli è stata medicata con cinque punti di sutura. Al suo fianco c’è Maria, la moglie, che appena ha saputo della rapina s’è precipitata a Castellammare.

+++ leggi l’articolo completo OGGI su Metropolis quotidiano +++


ULTIME NEWS