In fiamme il capannone del “re” del ferro, l’Arpac: «Materiale tossico». Vuolo rischia una denuncia

In fiamme il capannone del “re” del ferro, l’Arpac: «Materiale tossico». Vuolo rischia una denuncia

In fiamme il capannone del "re" del ferro, l'Arpac: «Materiale tossico». Vuolo rischia una denuncia

Castellammare di Stabia. E’ di natura dolosa l’incendio divampato nel capannone del “re del ferro” Mario Vuolo. Il secondo in poco più di tre mesi. Ancora una volta la periferia nord di Castellammare si ritrova avvolta dal fumo nero sprigionato dallo stabilimento di seconda traversa Pozzillo.

Questa volta le fiamme non hanno raggiunto grandissime proporzioni, basti pensare che lo scorso 11 marzo i pompieri impiegarono quasi una settimana per domare definitivamente l’incendio. Il deposito di indumenti usati si è ritrovato avvolto dalle fiamme per un processo di autocombustione delle “pezze” incendiate in precedenza. In entrambi i casi, però, l’origine dei roghi è dolosa.

+++ leggi l’articolo completo OGGI su Metropolis quotidiano +++


ULTIME NEWS