Agguato a Castellammare, l’odio tra i baby-criminali corre sui social

Agguato a Castellammare, l’odio tra i baby-criminali corre sui social

Agguato a Castellammare, l'odio tra i baby-criminali corre sui social

Castellammare di Stabia. Il carcere diventa “il riposo dei leoni”, promettere vendetta significa conquistare “o rispetto”, riuscire a scampare a un agguato trasforma la vittima in “l’immortale”.

Questo il mondo social che c’è dietro la guerra tra i giovani di Castellammare di Stabia. Una realtà parallela, dove i “mi piace” servono a mascherare il dolore delle pallottole e un post dove si dichiara odio viene osannato e condiviso. 

Il virtuale esaspera tutto, dai sentimenti ai rapporti umani e il dramma è che più si esagera, più sembra piacere. La parola amico viene sostituita da “fratm” o “ammoremio” e i giovani si identificato nei soprannomi dei personaggi di Gomorra “zecchinetta”, “malammore”. 

+++ leggi l’articolo completo OGGI su Metropolis quotidiano +++


ULTIME NEWS