Occhi elettronici a Pompei, stanati i “furbetti” della Ztl

Occhi elettronici a Pompei, stanati i “furbetti” della Ztl

Occhi elettronici a Pompei, stanati i "furbetti" della Ztl

Allarme sicurezza a Pompei: telecamere in arrivo entro la fine dell’estate. C’è l’ok del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’installazione dei varchi elettronici nella città mariana visitata ogni anno da 3 milioni di turisti: in tutto saranno otto, così come previsto dal progetto presentato in passato. Gli occhi elettronici saranno disposti lungo i vari punti d’ingresso della Ztl, la Zona a traffico limitato partita lo scorso primo maggio tra polemiche e ricorsi presentati da Confesercenti, Federnoleggio e altri imprenditori convinti della necessità di cancellare il dispositivo.

Le attrezzature elettroniche saranno un mezzo di supporto per la Publiparking, che gestisce il servizio dopo essere stata selezionata tramite gara pubblica, e la polizia municipale che – agli ordini del comandante Gaetano Petrocelli e del vicecomandante Ferdinando Fontanella – provvide a sanzionare immediatamente una decina di veicoli nel giorno del primo test del dispositivo, lo scorso primo maggio. I varchi elettronici serviranno per filmare l’ingresso dei veicoli più lunghi di sette metri e le rispettive targhe. Un secondo momento sarà poi utile per il riscontro effettivo dei mezzi muniti del pass. Naturalmente, scatterà una sanzione per chi sfugge al pagamento della tariffa. Saranno multati, come previsto dal Codice della Strada, e saranno oggetto di un’ulteriore sanzione amministrativa pari al doppio della tariffa standard.

Il summit

Lo scorso mese c’è stato un summit al Ministero, dove è stato presentato un piano preventivo che sembra rispettare tutti i parametri. Per l’estate arriveranno le attrezzature necessarie, mentre – probabilmente per l’inizio di settembre – saranno poi effettivamente installate, quando cominceranno i lavori per mettere in funzione i varchi automatici di rilevazione.

La Ztl è stata istituita per «equilibrare gli afflussi dei turisti durante tutto l’anno, attraverso tariffe diverse per alta e bassa stagione, evitando il raggiungimento di picchi di soggiorni nella città». Nella limitazione rientrano autoveicoli, autocarri, autoarticolati e autobus h 24. In sostanza, il provvedimento consente l’ingresso e la circolazione solo ai veicoli muniti di pass, il cui rilascio è naturalmente subordinato al pagamento che può avvenire on line o direttamente al check point. Ottanta euro per accedere in città in alta stagione con alcune eccezioni, come gli autobus che trasportano turisti che alloggiano in hotel di Pompei.

Il pagamento

Più che recarsi presso il check point di Piazza Falcone e Borsellino, molti preferiscono optare per il pagamento on line che, tra l’altro, comporta uno sconto del 5%. In questo caso, il pass viene inviato via email e consente l’accesso diretto ai varchi Ztl, senza passare per il check point. Hanno diritto all’esenzione totale della tariffa gli autobus che trasportano passeggeri alloggiati presso alberghi del territorio comunale e che richiedono il pass B (consente il transito, la fermata e la sosta per i bus che alloggiano presso alberghi nel territorio comunale e restano a disposizione della comitiva) o il pass C (consente il transito e la fermata per i bus che trasportano passeggeri che alloggiano presso alberghi del territorio, per il tempo necessario alla salita e discesa, nei pressi della struttura ricettiva, ha validità di 2 ore).


ULTIME NEWS