Torre del Greco, la Litoranea-bis è al buio: scontro Comune-Fs

Torre del Greco, la Litoranea-bis è al buio: scontro Comune-Fs

Torre del Greco, la Litoranea-bis è al buio: scontro Comune-Fs

Torre del Greco. La consegna era in programma a settembre del 2016, poi slittò di sei mesi per una serie di anomalie già rilevate al momento delle verifiche finali. L’inaugurazione avvenuta in primavera sembrava avere scacciato tutte le ombre dalla strada parallela a via Litoranea, ma – in poche settimane – la via di collegamento tra via Alcide De Gasperi e via Lava Troia è finita nuovamente al buio. Letteralmente.

Le proteste dei residenti

L’impianto di illuminazione pubblica realizzato da RFI – rete ferroviaria italiana – risulta già ko, come segnalato da decine di residenti e automobilisti al Comune. Una circostanza particolarmente pericolosa sotto il profilo della sicurezza lungo una strada a scorrimento veloce e lontana dalle “luci” della Litoranea: di qui, l’appello lanciato all’amministrazione comunale per provare a risolvere la questione.

Lo scontro Comune-RFI

Il problema è stato immediatamente segnalato dall’assessore ai lavori pubblici Luigi Mele al dirigente dei servizi manutentivi dell’ente di largo Plebiscito affinché venisse sollecitata la RFI – incaricata dei lavori nell’ambito del progetto per eliminare i passaggi a livello presenti sul territorio – a mettere in campo al più presto gli interventi per evitare disagi ai cittadini. All’interno della missiva inviata all’ingegnere Vincenzo Sannino, l’esponente di Forza Italia sottolinea poi come «il sistema di raccolta delle acque piovane di vico San Vito non è stato ancora completato, il che può creare molteplici difficoltà alla pubblica e privata incolumità, con le forti piogge che si verificheranno nel periodo estivo». Insomma, correre in fretta ai ripari per scongiurare qualsiasi tipo di rischio.

I precedenti scontri

D’altronde già alla vigilia della consegna della strada, l’assessore ai lavori pubblici aveva evidenziato alcune anomalie: «Ancora una volta i grandi enti che dovrebbero garantire opere a regola d’arte – attacca Luigi Mele – ci lasciano il territorio in situazioni assurde. Non a caso, c’è già in atto un contenzioso con RFI per la mancata attivazione degli ascensori dei passaggi a livello: ascensori mai consegnati al Comune e, al momento, inutilizzabili e completamente vandalizzati».


ULTIME NEWS