Capodimonte come Central Park, “adottate una panchina” 

Capodimonte come Central Park, “adottate una panchina” 


Adotta una panchina, un albero o una fontanella e ricevi in cambio vantaggi fiscali e una targhetta personalizzata. A Capodimonte il direttore Sylvain Bellenger cerca benefattori per il grande parco della Reggia, aperto gratuitamente tutto l’anno, e con l’aiuto di una onlus lancia la campagna “Racconta la tua storia al Bosco di Capodimonte”. Con una donazione minima di 500 euro ci si puo’ prendere cura di una panchina, un albero, una fontanella, persino un abbeveratoio per cani intitolando il dono ad un proprio caro con tanto di targhetta personalizzata e dedica in 70 caratteri. L’idea ha un precedente illustre nell’iniziativa Adopting a bench (adotta una panchina) lanciata a New York dai gestori del Central Park a New York, dove adottare una panchina e dedicarla a qualcuno costa pero’ un minimo di 7.500 dollari, poco meno di 6mila euro. Obiettivo, rendere piu’ accogliente il grande parco cittadino, ma anche, spiega Bellenger, “rendere visibile quel legame sentimentale tra il Bosco e il suo pubblico e rafforzare ancora di piu’ quel senso di appartenenza del Real Bosco di Capodimonte, giardino storico e grande polmone verde della citta’ di Napoli, frequentato e amato da un numero sempre crescente di famiglie, bambini e tanti sportivi che lo hanno eletto come luogo ideale per trascorrere il loro tempo libero”. A Capodimonte, spiegano dal museo, la donazione potra’ servire sia ad acquistare una nuova panchina che sostituisca o si aggiunga a quelle gia’ esistenti, sia ad impiantare un nuovo albero, magari in occasione di una nascita – scelto tra Camelia, Leccio, Magnolia o Lagerstroemia Indica – o a conservare meglio quelli esistenti. Per informazioni si puo’ contattare l’onlus Amici di Capodimonte, c/o Museo di Capodimonte, Napoli via Miano 2. 


ULTIME NEWS