I grandi sprechi dell’era Borriello Fontana della vergogna off limits

I grandi sprechi dell’era Borriello Fontana della vergogna off limits


Torre del Greco. Doveva essere il fiore all’occhiello del restyling del centro storico realizzato dall’amministrazione comunale targata Ciro Borriello grazie ai finanziamenti europei. Ma già a luglio era diventata la croce del sindaco – successivamente arrestato e costretto alle dimissioni – pronto a ordinare all’ex assessore Luigi Mele la chiusura della fontana ornamentale di via Roma per procedere a urgenti lavori di manutenzione.

Dopo l’ennesima pioggia di critiche arrivata attraverso i social, l’assessore ai lavori pubblici fece transennare la «vasca dello scandalo» e garantì immediati interventi di pulizia. Sono passati tre mesi, l’amministrazione comunale si è sciolta come neve al sole d’agosto e la fontana ornamentale resta rinchiusa tra inguardabili e pericolose transenne in ferro. L’ultimo spreco della squadra di governo cittadino uscita vincitrice dalle elezioni del 2014, a cui l’ente di palazzo Baronale – guidato dal commissario prefettizio Giacomo Barbato – proverà a porre rimedio a stretto giro di posta

+++ leggi l’articolo completo OGGI in edicola su Metropolis Quotidiano +++


ULTIME NEWS