Caos rifiuti a Portici: cento giorni di flop. Il rilancio promesso da Cuomo è solo uno spot

Caos rifiuti a Portici: cento giorni di flop. Il rilancio promesso da Cuomo è solo uno spot

Caos rifiuti a Portici: cento giorni di flop. Il rilancio promesso da Cuomo è solo uno spot

Portici. Dall’11 giugno a oggi sono passati cento giorni: l’amministrazione comunale guidata dall’ex senatore Enzo Cuomo si è insediata, gli assessori sono stati nominati e la città ha riavuto un governo locale. Ma, in sostanza, non è cambiato nulla rispetto all’epoca del commissario prefettizio Roberto Esposito. In particolare sul fronte Nu.

Le strade di Portici non brillano sotto il profilo della pulizia e della raccolta dei rifiuti, in barba agli annunci-spot a più riprese lanciati dai leader di palazzo Campitelli tramite  vari gruppi Facebook. A partire proprio dalla pagina RipartePortici, dove abitualmente vengono postate le “gesta” del sindaco Enzo Cuomo. Certo, l’operato di un’amministrazione comunale non si può giudicare in soli cento giorni.

Ma le premesse non sono incoraggianti, perché gli annunci-spot fino a oggi si sono rivelati solo ordinaria manutenzione: raccolta dei rifiuti, pulizia delle strade e qualche multa ai trasgressori del sacchetto selvaggio. Tutti “servizi” che non sarebbero mai dovuti andare in blocco quando Roberto Esposito è stato alla guida del Municipio: «Le magie non esistono – disse il commissario prefettizio – la soluzione per rilanciare la Leucopetra è stata trovata solo a maggio». Una soluzione che a oggi resta “segreta” perché nonostante la città sia più pulita, le aree più controllate con qualche trasgressore denunciato e qualche marciapiede ripulito, in Leucopetra non è stato modificato nulla: zero progetti per salvare la municipalizzata, nessun camion nuovo e neanche le divise.

Uno scenario della città cambiato rispetto a maggio ma ancora con numerose falle nella raccolta dei rifiuti con tanto di zone alle prese con i cumuli di immondizia e marciapiedi fatiscenti. Nei giorni scorsi, il simbolo della ripartenza senza fretta dell’igiene urbana è stato un gabinetto sotto l’arcata dell’università di Agraria, un water in strada ha incorniciato l’accesso alla sapienza e alla cultura.

Altre criticità si registrano ancora in via Università, via Moretti, via Macedonio Melloni e via Dalbono e da qui parte lo sfogo social dei cittadini che passa dall’attacco verso l’amministrazione comunale «tutta propaganda e pubblicità, finora non è stato fatto ancora nulla di concreto», a puntare il dito contro l’uno con l’altro «Portici è una città di incivili, la gente deve capire che l’unico modo per avere servizi efficienti è quello di rispettare le regole, non gettare i rifiuti fuori orario e fare la raccolta differenziata».

Nei prossimi giorni, invece, dovrebbe essere ufficiale l’assegnazione della vicepresidenza della Leucopetra all’ex conigliere comunale, Francesco Portoghese. L’attivista, a furia di fotografie e video-denuncie sarebbe riuscito a guadagnare un posto nella municipalizzata dei rifiuti. Ora dovrà solo mantenere le sue promesse e fare funzionare a regime la ditta dei rifiuti.


ULTIME NEWS