Ospedale, il bluff dei lavori Rianimazione dimenticata

Ospedale, il bluff dei lavori Rianimazione dimenticata


Era la vigilia del Referendum costituzionale e il governatore Vincenzo De Luca percorreva avanti e indietro la Campania con ritmo frenetico a cercare consensi per il Sì. Così fece tappa anche a Sorrento e, dopo un mini-comizio a Villa Fondi («Garantiamo 300 milioni per la rinascita della penisola sorrentina» disse in una sala gremita di aficionados), si presentò all’ospedale Santa Maria della Misericordia. E davanti al direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Antonietta Costantini, ai medici e ai sindaci si fece carico di un altro impegno: accelerare negli investimenti strutturali e di personale. A cominciare dall’apertura dei cantieri per il nuovo reparto di Rianimazione. Da allora, era il 25 novembre dell’anno scorso, nessuno ha mai visto operai o ditte. Il tempo passa inesorabile.

+++++LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL QUOTIDIANO IN EDICOLA OGGI+++++


ULTIME NEWS