Torre Annunziata. Da 18 giorni nelle tende, l’inferno degli sgomberati

Torre Annunziata. Da 18 giorni nelle tende, l’inferno degli sgomberati

Da 18 giorni nelle tende, l'inferno degli sgomberati

Ha i piedi immersi in un secchio azzurro di acqua e sapone la signora Anna, mentre da lontano saluta con la mano. «Scusateci ma solo così possiamo lavarci», ripete mortificata prima di tirare fuori dalla tende un bustone nero che ricorda i sacchi della spazzatura. «No, non è monnezza – afferma con l’accento marcato dei vicoli – sono soltanto le nostre valigie». Sembra di essere catapultati nel cuore del terzo mondo, in uno di quei paesi lontani dove la miseria è stampata sulle facce della gente. E invece succede tutto a due passi da casa. Per la precisione nel piazzale di via Agricoltori, a Torre Annunziata, un’angusta stradina piazzata di fronte all’ingresso di Palazzo Fienga: la roccaforte del clan Gionta e il simbolo, cadente, della camorra spietata.

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA +++


ULTIME NEWS