Pompei. Bombe a mano in cantina, patteggia Maurelli

Pompei. Bombe a mano in cantina, patteggia Maurelli


Sette bombe a mano provenienti dall’ex Jugoslavia ritrovate in uno scantinato presso la casa del padre a Pompei: patteggia tre anni e 2 mesi Raffaele Maurelli 46 anni, assolto il fratello Giuseppe 44enne. Si è chiusa così davanti al gup Emma Aufieri del Tribunale di Torre Annunziata la pagina giudiziaria che si era aperta ad aprile con il ritrovamento da parte della polizia degli ordigni bellici per i due fratelli imprenditori, originari di Castellammare e titolari di una tabaccheria a Torre Annunziata, assistiti dagli avvocati Sergio Cola, Adriano Cafiero e Luca Sena. 

+++L’ARTICOLO COMPLETO OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++


ULTIME NEWS