Torre Annunziata. Architetto ucciso dal palazzo di Rampa Nunziante, i familiari: “Fuori i colpevoli”

Torre Annunziata. Architetto ucciso dal palazzo di Rampa Nunziante, i familiari: “Fuori i colpevoli”


«Lui era la mente e io ero il braccio. La cosa che mi rende più triste è che non potrò più realizzare i suoi sogni». Trattiene a fatica l’emozione Attilio Cuccurullo, mentre davanti agli occhi scorre tutta la sua vita. I ricordi sono come lame. E parlare è come scavare in una ferita ancora sanguinante. In fondo ai pensieri c’è il volto di Giacomo, suo fratello, una delle 8 vittime del crollo della palazzina di Rampa Nunziante, la tragedia che all’alba del 7 luglio scorso è costata la vita a 8 persone: tutte sepolte sotto le macerie insanguinate di quel palazzo di 3 piani che guarda sul mare di Torre Annunziata. 

+++L’ARTICOLO COMPLETO OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++


ULTIME NEWS