Castellammare. Furti nella gioielleria Città Oro: stangata la banda delle donne

Castellammare. Furti nella gioielleria Città Oro: stangata la banda delle donne

Furti nella gioielleria Città Oro: stangata la banda delle donne

Incastrate con Google, stangate dal giudice. Niente scampo per la banda delle donne che rubava monili e preziosi nelle gioiellerie. Eh sì, perché in tempi in cui chiunque ha accesso agli archivi dei giornali, fossero anche solo telematici, un precedente arresto non rimane soltanto nel personale casellario giudiziale ma può essere ripescato da chi, armato di pazienza e un pizzico di sesto senso, sa mettere le parole chiave giuste nel motore di ricerca più usato e potente del mondo e trovare gli indizi che aiuteranno un giudice a emettere un verdetto di condanna. E’ andata così per i colpi messi a segno nell’agosto 2014 alla gioielleria Città Oro, al confine tra Castellammare e Pompei: il titolare si è trasformato in detective informatico, ha fornito tutti gli elementi utili ai carabinieri e il giudice ha emesso un verdetto di condanna davvero pesante. Cinque anni e mezzo a testa per Anna Cerasulo 44 anni di Padula e Silvana Marotta 34 anni di Agropoli, entrambe con precedenti speci ci, quattro anni e mezzo per Isabella Marotta 43 anni di Agropoli.

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA +++


ULTIME NEWS