Scafati. Uccise il socio a colpi di forbici: assolto per infermità mentale

Scafati. Uccise il socio a colpi di forbici: assolto per infermità mentale

Uccise il socio a colpi di forbici: assolto per infermità mentale

Uccise il socio con oltre cinquanta colpi di forbici, l’appello assolve Pasquale ‘o pazz per incapacità di intendere e volere, ribaltando la sentenza di primo grado che lo aveva condannato a venti anni di reclusione. I prossimi dieci anni, però, dovrà trascorrerli in una struttura di igiene mentale. È il 1 settembre 2015 quando i due venditori ambulanti e soci in affari Pasquale Balzano e Giuseppe Desiderio, iniziano a litigare, probabilmente in relazione al proprio rapporto di lavoro. Una lite uguale alle altre ma con un epilogo drammatico. Preso dalla rabbia Balzano impugna un paio di forbici ed inizia a colpire Desiderio. Oltre cinquanta i colpi che, inevitabilmente, provocano la morte dell’uomo. Dopo il folle gesto Pasquale detto ‘o pazz decide di caricare il corpo ancora sanguinante del socio all’interno della sua automobile e di parcheggiarla proprio a casa della vittima.

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA +++


ULTIME NEWS