Terrore a New York. Furgone contro i ciclisti, 8 morti e 15 feriti

Terrore a New York. Furgone contro i ciclisti, 8 morti e 15 feriti


Terrore a New York, a poche decine di metri dal World Trade Center, il ‘Ground Zero’ dell’11 Settembre, intorno alle tre del pomeriggio. Un pick-up e’ piombato su una delle piu’ affollate piste ciclabili di Manhattan e ha fatto una strage: almeno sette morti e una quindicina di feriti, ma il bilancio e’ destinato a salire. Dai tempi delle Torri Gemelle, e’ il primo attentato terroristico di rilievo a New York, cioe’ con numerose vittime. Che si tratti di un atto di terrorismo islamico e’ praticamente certo: l’aggressore, con tratti mediorientali, neutralizzato dalla polizia un chilometro dopo la strage, avrebbe gridato “Allahu Akhbar” secondo i testimoni prima di abbandonare le corsie della West Street, l’autostrada urbana che costeggia l’Hudson, e percorrere la ciclabile a tutta velocita’, seminando morte. Un chilometro piu’ a sud, all’altezza di Chambers street, proprio di fronte alla Peter Stuyvesant High School, il pick-up con il logo della Home Depot, il supermercato americano del bricolage e del fai-da-te, ha investito un altro camioncino. E’ stato li’ che il terrorista e’ stato bloccato, a quanto pare intenzionalmente, da un bus scolastico, quelli gialli presenti in tutti gli Stati Uniti. Un uomo robusto, vestito con una tuta blu, e’ uscito dal pick-up della Home Depot con due pistole in mano, che pero’ erano pistole giocattolo. La polizia, gia’ presente in massa a Tribeca, ha sparato ferendolo ad una gamba e lo ha arrestato. L’uomo era solo, anche se per un certo tempo si e’ temuta la minaccia di un secondo uomo armato in giro per Battery Park, all’estremo sud di Manhattan. Per lunghi minuti la situazione e’ apparsa molto confusa e le informazioni contraddittorie. Quello che all’inizio sembrava soltanto un violento fatto di cronaca locale, forse legato semplicemente all’intenso traffico newyorchese, si e’ trasformato pian piano in un atto terroristico islamico, visto che l’assassino ha invocato Allah. L’Fbi ha assunto il comando delle indagini, visto che la strage viene trattata come un atto terroristico. Non ha dubbi il Site di Rita Katz, il sito di monitoraggio del terrorismo islamico sul web. “Non c’e’ nessuna rivendicazione dell’attacco a New York, ma le modalita’, come l’uso di un mezzo, sono in linea con le istruzioni dell’Isis”, ha spiegato la direttrice.


ULTIME NEWS