Castellammare. Falò, troppa legna nei quartieri: stanziati 16mila euro per i sequestri

Castellammare. Falò, troppa legna nei quartieri: stanziati 16mila euro per i sequestri

Falò, troppa legna nei quartieri: stanziati 16mila euro per i sequestri

«L’attività di raccolta della legna per i falò dell’Immacolata quest’anno è più frenetica e c’è la necessità di ristabilire la legalità». E’ quanto emerge da una relazione attraverso la quale l’amministrazione comunale decide di prevedere una spesa di 16mila euro, per effettuare i sequestri nei rioni fino al prossimo 8 dicembre.
A segnalare l’attività «frenetica» sono state le forze dell’ordine, nel corso di un incontro che s’è tenuto recentemente a Palazzo Farnese per fare il punto della situazione. Quasi tutti i quartieri, infatti, si stanno organizzando per accendere i famosi falò dell’Immacolata. Una tradizione fuorilegge che ogni anno fa discutere a Castellammare. Il fatto che di legna se ne stesse accumulando fin troppa, ha spinto l’amministrazione a incaricare l’Am Tecnology, ditta che si occupa della raccolta rifiuti in città, di recuperare e smaltire il materiale da sequestrare. La società della nettezza urbana dovrà essere a disposizione delle forze dell’ordine dalle 8 alle 20, ogni giorno, fino al prossimo 8 dicembre. Perché qualora arrivasse la segnalazione di un accumulo di legna, bisognerebbe proseguire con il recupero e lo smaltimento di tutto il materiale.

Nelle prossime ore saranno anche intensificati i controlli, perché l’obiettivo dell’amministrazione è quello d’impedire i falò nei quartieri e valorizzare il Palio dei Fuochi sull’arenile. L’evento cofinanziato dalla Regione Campania, per il quale si registra ancora un forte ritardo. Ad oggi, infatti, non è stata affidata l’organizzazione della serata alla società che dovrà occuparsi di allestire le pire e realizzare un spettacolo pirotecnico.


ULTIME NEWS